Home » Nazionale

Antinucci se ne va e non è positivo

8 gennaio 2009 723 views 2 CommentsStampa questo articolo Stampa questo articolo

Anche l’on. Rapisardo Antinucci, deputato europeo, sbatte la porta e ci lascia. Anche se per il momento resta nel partito, Antinucci ha dato le dimissioni dalla direzione e dal Consiglio nazionale, con una lettera polemica contro il segretario e la segreteria. Sostiene che non è coinvolto nell’attività politica della sua regione, il Lazio, e che Boselli, Villetti, Mancini, Angius, Nigra, Spini e Grillini sono di fatto stati espulsi. Non è vero. Ma si tratta di una polemica che merita adeguate riflessioni e risposte politiche.

2 Comments »

  • Fabio "Crucio" Cruciani said:

    Semplicemente ha capito che non verrà rieletto, e di sicuro andrà mendicando uno strapuntino o almeno un misero posticino, anche non necessariamente al parlamento europeo, nel PD o da qualche altra parte non dissimile.

    Inoltre Antinucci si lamenta che non è coinvolto nell’attività politica del Lazio. Bene. Ma il primo mea culpa deve farlo lui stesso: durante le ultime elezioni amministrative poteva battere un colpo quando era candidato presidente nel mio municipio, il Sesto, è ha di fatto mandato allo sbando decine di candidati e ottendo un risultato a dir poco ridicolo (il candidato con più voti ne prese neanche una quarantina, io arrivai 4° nella lista del PS con 22 voti…), lui che vantava di avere decine di migliaia di voti a Roma e nel Lazio e poi solo nel Sesto Municipio ha preso poco più di 200 preferenze…

  • Giampaolo Sbarra said:

    Ho l’impressione che le riflessioni di Antinucci (certamente legate a dinamiche territoriali specifiche) possano essere estese a molta parte d’Italia. Lanfranco Turci ha ragione: bisognerebbe finalmente parlare di poltiica; e, aggiungo io, parlare della linea e del ruolo del PS, invece che del fallimento del PD, senza mascherarsi dietro l’Internazionale Socialista e il PSE; ma servono luoghi di discussione autorevoli e non pregiudicati da decisioni già prese; insomma: discutere per discutere senza poter incidere sulle scelte, non genera né interesse né tanto meno entusiasmo; soprattutto quando si percepisce un’ansia di rivincita per una partita PCI-PSI giocata quindici anni fa, alla quale molti (io tra questi) non hanno partecipato.

    Francamente dubito che questo PS (con questi gruppi dirigenti) possa costituire un punto di aggregazione e di rilancio della sinistra in Italia; ma anche all’interno del PS si è indebolito chi doveva rilanciare con tenacia una prospettiva più ampia; speravo che la mozione di Turci e altri potesse costituire questo punto di riferimento aperto (cioè privo di paletti nazionali e internazionali), ma mi pare che il “primum vivere” del partito abbia coinvolto quasi tutti. Riusciremo ad uscirne? Non è bello da dire (in pieno dibattito sul federalismo), ma credo che i segnali debbano arrivare dall’alto.

    Ma sia chiaro: con il rancore e senza mettere in gioco i ruoli, non si andrà da nessuna parte.

    Certo che è sempre più difficile convincere a ri-fare la tessera i compagni che non provengono dal PSI-SDI, mentre non fu difficile convincerli a farla (la prima volta del PS). Qualcuno si sta chiedendo perché?

    Giampaolo Sbarra – Treviso

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.