Home » Nazionale

La fine di Segni non è la fine dei sogni

23 giugno 2009 561 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Dopo il flop dei referendum elettorali, è inutile che Segni e i suoi se la prendano con gli italiani, che sarebbero ormai rassegnati. Se la prendano con loro stessi che non hanno capito: che il referendum elettorale, che è peraltro a mio parere palesemente anticostituzionale, è frutto di una stagione finita, quella post tangentopoli, e che il quesito fondamentale del referendum era assolutamente anti democratico, immaginando la nascita del parttio pigliatutto come sintomo di semplificazione. Segni e i suoi Guzzetta si rassegnino loro a non essere più (da almeno un decennio) in sintonia col Paese. E si ritirino a vita privata.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.