Home » Nazionale, Reggio Emilia

C’è chi a Reggio contesta la seconda carica dello Stato. Imparate dal vecchio Pci

27 dicembre 2009 913 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Il 7 gennaio il presidente del Senato Renato Schifani, su invito del sindaco di Reggio, sarà in sala del Tricolore per celebrare la nascita della nostra bandiera. Come è già accaduto a Casini, ad Amato, a Fini, ad altre importanti cariche dello Stato. Questa volta però c’è chi annuncia contestazioni, essendo Schifani uomo di parte. Ora è bene precisare che nessun uomo delle istituzioni, come quelli precedentemente citati, è un extraterrestre. E forse Schifani, particolarmente legato agli interessi del suo partito e del suo leader, lo è meno degli altri. Ma da qui ad annunciare contestazioni, clamorose e ingiustificate assenze, addirittura sollecitazioni al sindaco a recedere dall’invito, ce ne passa. Reggio Emilia, in diverse fasi della sua storia, ha dimostrato di essere una città ospitale e rispettosa delle istituzioni democratiche, al di là delle opinioni di ciascuno. E anche stavolta si dimostrerà tale, nonostante tra i contestatori figurino anche uomini e donne delle istituzioni reggiane. Il comportamento del vecchio Pci fu impeccabile anche durante la fase delle guerra fredda e negli anni cinquanta vennero ricevuti a Reggio, come si doveva, anche autorità di tendenza anticomunista come i presidenti Luigi Einaudi, eletto senza il voto delle sinistre (il voto di queste ultime era andato a Vittorio Emanuele Orlando), e Giovanni Gronchi, l’anno prima di quel governo Tambroni che aveva egli stesso patrocinato. Nel 1985 fu a Reggio Francesco Cossiga, quello col K e con la Gladio ancora in nuce. E  fu accolto come la sua alta carica meritava. Adesso dovremmo fare eccezione, dopo avere accolto a Reggio, appunto, anche Casini e Fini? E perchè mai? E proprio ora che si apre, ed era ora, la stagione del dialogo? Sospetto che si voglia, non solo mettere in difficoltà le istituzioni reggiane, ma anche stravolgere la storia e le abitudini di Reggio. E la cosa mi preoccupa alquanto.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.