Home » Nazionale

Perchè il congresso del Psi di Perugia deve essere unitario

8 giugno 2010 1.229 views One CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

“Ci sono tanti motivi”, disse un campanaro a un cittadino che gli chiedeva perchè non suonasse le campane, “e  il primo è che non ce le ho”. Potremmo parafrasare così: “Ci sono tanti motivi per cui il congresso del Psi che si svolgerà a Perugia deve essere unitario. Il primo è che non ci possiamo permettere un ennesimo congresso di scontro e di divisione”.Correremmo il rischio di diventare ridicoli e di essere descritti, da quei pochi che vorranno seguirci, come un fatto folcloristico e non politico.E dunque a coloro che continuano a parlare di chiarezza, di posizioni da confrontare, addirittura di mozioni e di firme da raccogliere, dico con un certo distacco: “Ma in quale partito pensate di essere?'”. Siamo o no in un partito che non ha parlamentari italiani ed europei e che a Montecatini due anni fa, ha scelto la difficile strada della sopravvivenza e del rilancio e non dello scioglimento, come fecero altri partiti senza parlamentari (vedasi su tutti il vecchio Psiup nel 1972)? Siamo o no in un partito che ha visto i suoi dirigenti della Costituente del 2007 sparire piano piano uno alla volta (Boselli, Villetti, Angius, Spini, De Michelis, Zavettieri, Formica ecc.) tanto che solo io, in questo momento, rappresento la continuità di quel gruppo nella segreteria nazionale? Siamo o no in un partito che si trova a fare i conti con un tesseramento che ha ridotto a circa un terzo le sue adesioni del 2007 (allora per la verità un pò gonfiate) e con problemi economici di non facile soluzione? Siamo o no in un partito che è sì riuscito ad eleggere 13 consiglieri regionali, ma in liste diverse e deve oggi, con fatica, tentare di unificarli tutti in un’unica prospettiva politica? Ma sì sentiamoci, perchè ci fa anche bene, come Turati diceva che si sentivano i socialisti a fine Ottocento: “Come naufraghi nell’Oceano, senza una zattera, senza una scialuppa”. Ciononostante scegliamo di resistere ancora e abbiamo scritto nelle nostre tesi che dobbiamo farlo finchè in Italia non si formerà una più grande forza socialista, cioè del socialismo europeo e italiano. E su questo progetto identitario lanciamo la nostra scommessa per il futuro. E’ vero. C’è stato qualcuno che nel passato ha puntato molto sul progetto di Sinistra e libertà e sulla leadesrhip di Vendola. Io no. Non ho capito perchè avremmo dovuto concedere a Vendola quel che non concedevamo al Partito democratico: il rispetto per l’ambiguità. Storie divise di comunismi, di socialismi, di massimalismi, di riformismi, di cristianismi e di laicismi non potevano essere risolte solo, come nel mistero della santissima trinità, nella figura di un leader. E oggi il partito ha scelto di non dividersi su questo, dicendo sostanzialmente: il progetto di Vendola non ci interessa a meno che esso non sia ricondotto nell’alveo della cornice socialista europea. E’ culto del passato, è rinunciare al nuovo che promana dalle fabriche di Niki? No, è prender atto della realtà italiana ed europea, che nessun nuovo profeta riuscirà a snaturare. Siamo noi fuori dal mondo o sono fuori dal mondo coloro che hanno costruito l’anomalia italiana che a sinistra è il frutto della somma del vecchio fattore K e del tormento di una sinistra democristiana che non esisteva in nessun altro paese europeo? Vogliamo batterci contro questo sistema post identitario che non solo non piace a chi ha sempre pensato alla politica come arte nobile condensata di storie, di filosofie e di programmi, ma non è utile per l’Italia con tutti i gravi danni che esso ha prodotto in questi sedici anni. E lo vogliamo fare per ricostruire un itinerario europeo, per darci valori comuni all’Europa, e non già per ispirarci a nuovi miti frutto dell’effimero e della tragedia che si volge in commedia. Davvero inusuale terapia, come si sente dire, quella della parola d’ordine: “A un Berlusconi di destra opponiamo un Berlusconi di sinistra”. L’originale è sempre migliore della sua copia.  Vogliamo batterci per la Terza repubblica, per una Costituente che disegni nuovi equilibri istituzionali, per dare all’Italia una riforma elettorale proporzionale e senza la truffa del premio di maggioranza e del conseguente voto utile. Abbiamo un grande disegno, dunque, troppo grande per un partito piccolo? Ma se un partito piccolo non ha un progetto grande perde di senso la sua stessa esistenza. Noi dobbiamo alzare il tiro e solo noi lo possiamo fare, per la nostra diversità, per la nostra unicità, alle quali corrispondono le sintonie con la nostra storia e con l’Europa di oggi e di domani. Siamo nel centro sinistra, ma non ci confondiamo con esso. Siamo contro il giustizialismo (e dunque a favore decisamente della separazione delle carriere dei magistrati e contro gli scioperi politici di questa categoria) e siamo anche per l’equità sociale (dunque non contestiamo l’equiparazione dell’età pensionabile delle donne e degli uomini, ma riteniamo che gli introiti vadano indirizzati verso i giovani, la vera emergenza sociale dell’Italia). Come sembra vicina,oggi, la conferenza di Rimini del 1982…

One Comment »

  • Carbone Donato said:

    Grazie Mauro di questo contributo che condivido in pieno; il PSI di adesso è una pianticella che dobbiamo piantare e far crescere aspettando con pazienza i suoi frutti che non tarderanno ad arrivare.- a nessuno è consentito appropriarsi delle idee del PSI che rimane unico- quello che è stato portato avanti dai suoi leader di spicco- dal suo nascere fino a pochi anni fa; non è stato il PSI a lasciare il PCI nel ’21 ma è stato questo a fuoriuscire seguento il suo tragico percorso che lo ha portato poi all’estinzione il che non è avvenuto per il PSI perchè è stato sempre forza politica di governo ed occidentale, battendosi per i più bisognosi e creando politiche in difesa di essi contrastando gli egoismi e le cattiverie delle classi moderate e conservatrici occopandosi cioè di problemi veri delle persone e non di ideologie utopistiche fine a se stesse; cadono quindi le considerazioni di quanti vorrebbero che questo PSI si facesse da parte per dare origine ad un nuovo imprecisato partito facente riferimento a chi, non si capisce.- Gli attuali dirigenti del partito in linea con i precedenti da Boselli a Nencini e tutti i loro collaboratori, non hanno mai avuto vergogna di battersi per il PSI in continuità con le sue idee, in tempi difficili quando i termini “socialista” e “craxiano” facevano gridare al ladro; ad essi va dato il merito di diverse iniziative politiche per cercare di richiamare un elettorato disperso e shoccato dalla campagne di mani pulite, quali lo SDI e La Rosa nel Pugno; ora che il carisma dei moralisti va scemando ed il PSI conquista consenso in Europa qualcuno vorrebbe far approdare questo magnifico ed insostituibile movimento di idee basato su concetti collaudati di buon governo e non violenti, con il benessere portato a numerose generazioni di persone umili e bisognose a qualcuno viene la tentazione di annegare questo magnifico partito in un populismo di sinistra per contrastare quello attualmente di destra al potere.- A mio parere l’equazione è : la Lega sta al populismo di destra come il PSI sta al populismo di sinistra con la differenza che il PSI è radicato nell’interio territorio del paese da Pantelleria a Godroibo ma conservando un a sua ben determinata identità politica. Certo tornare nelle piazze e riacquistare la fiducia dell’elettorato richiede tempo affinchè la piantina cresca e dia i suoi frutti sperando che questo non duri molto a lungo.-
    Un caro saluto
    Donato Carbone

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.