Home » Reggio Emilia

Dai Meglioli, non immusonirti e regalaci ancora musica al Mirabello

21 luglio 2010 1.064 views One CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Ho letto con una punta di stupore, ma anche di preoccupazione, l’articolo dell’amico Roberto Meglioli apparso sulla Gazzetta di Reggio. Stupore perchè penso d’essere tra coloro che ritengono il Mirabello un’arena naturale non solo per lo sport, ma anche per gli spettacoli. E dunque mentre apprezzo la mini stagione estiva allestita da Meglioli, e resa possibile grazie all’operosa disponibilità di Claudio Sarti, rivelo che da un pò di tempo sto lavorando, in accordo con Giovanni Catellani, per tentare di mettere in scena proprio al Mirabello anche un’opera lirica (magari dal prossimo anno), com’era del resto nelle tradizioni del nostro vecchio campo negli anni trenta del secolo scorso. Altro che indisponibilità all’utilizzazione di questo impianto sportivo per eventi musicali, dunque. Con preoccupazione, perchè pensavo che qualcosa di irreperabile fosse accaduto tra Meglioli e la Fondazione dello sport. Invece, da colloqui avuti stamane con il presidente Arati e col direttore Savino, mi risulta che adesso non vi sia alcuna revoca di concessione a Meglioli, ma che egli si riferisca a una vicenda di qualche tempo fa che poi è stata chiarita e accomodata. Tanti auguri dunque per lo spettacolo che va in scena giovedì sera. E che molti concerti allietino le notti dei reggiani in questo impianto sportivo. Oltretutto, personalmente, tra sport e musica mi trovo proprio a mio agio.

One Comment »

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.