Home » Reggio Emilia

E adesso Barilli… di ottimismo

28 Agosto 2010 1.320 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Tra lunedì e martedì la società granata passerà nelle mani della nuova proprietà. Non pare esistano più ostacoli per il trasferimento delle quote, dopo il summit della cooperazione della settimana scorsa. Precisiamo allora alcune cosette 1) La cooperazione, che assieme a un gruppo di industriali reggiani (l’accordo sancito attraverso Iniziativa tricolore) aveva fatto decollare la nuova società della Reggiana dopo il fallimento del 2005, e che nel 2009 era stata lasciata sola per il disimpegno dei privati, aveva già da almeno un anno deciso di vendere la società 2) Si sono presentati al banco di compravendita alcuni personaggi o gruppi industrali: il gruppo Santarelli, ad esempio, che alla fine tratterà altre tre società senza acquisirne alcuna, o l’industriale Agnello che tratterà anche il Modena senza venirne a capo. Al banco si è presentato anche un gruppo legato al Catania calcio per tentare sinergie sportive e che si è subito dileguato e smaterializzato nelle nebbie padane. A me si è anche presentato un industriale lombardo accompagnato da un ex calciatore granata che voleva costruire i Petali del Giglio, già edificati a partire dal 2005, e un notaio mantovano che intendeva anche acquistare lo stadio, ma che è sparito prima di visitarlo 3) L’amministrazione comunale di Reggio ha tentato da fare la sua parte. E ha tastato la disponibilità del commercialista reggiano Alessandro Barilli che, con un suo gruppo, ha manifestato l’interesse ad acquisire le azioni della coop o a colloborare con essa, entrando in società e subordinando l’ingresso ad alcune questioni d’interesse del suo gruppo. 4) La coop ha chiesto tempo per decidere e da luglio, quando l’operazione sembrava ormai definita, si è così arrivati a fine agosto. Nella trattativa la coop ha escluso di poter rimanere in società attraverso una sorta di partnership, preferendo porsi l’alternativa di vendere tutto o di restare da sola. Il dilemma è stata sciolto e la coop ha deciso di vendere tutto e di restare come sponsor per tre anni. 5) Adesso il gruppo Barilli, che oltre all’impegno diretto del commercialista reggiano e del suo socio, di Claudio Campani e di Tommaso Villirillo, sta sondando altre e significative disponibilita, è chiamata a firmare le carte nei primi giorni della prossima settimana e di chiudere così quella che qualcuno ha voluto definire “una lunga telenovela” e che è invece una storia a lieto fine tra chi voleva vendere e chi voleva acquistare. E chi vuole acquistare, lo garantisco, non è altro che un gruppo di imprenditori reggiani che ama la Reggiana. E che è intenzionato a raggiungere risultati importanti creando una vera azienda del calcio. Ma prima di brindare al lieto fine attendiamo la fine.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.