Home » Nazionale

Del Bue al congresso del Psi: “Il dilemma del Pd”

29 Novembre 2010 944 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Intervenendo al congresso del Psi dell’Emilia -Romagna Del Bue ha detto tra l’altro: “Il Pd ha una paura ed è di fronte a un dilemma. Amesso che si vada verso le elezioni, se fa le primarie rinchiuse nel circuito della sinistra le potrebbe vincere Vendola. Allora tanto vale, tesi di La Torre, chiedere a Vendola di entrare nel nuovo partito che si potrebbe creare anche subito tra Pd e Sel, formando un nuovo soggetto anche col capo dei tartari nel deserto del quale si ha paura. Ma in questo caso, si fa come il marito cornificato che si taglia i cosiddetti. Per paura che Vendola vinca le primarie gli si affida per intero un nuovo grande partito. Avendone paura si apre la porta ai tartari. La verità è che il dilemma è tutto politico. Il Pd deve scegliere tra la possibilità di fare un vero centro sinistra, cioè una coalizione che dal Pd vada fino al centro di Casini, Rutelli e forse anche Fini, e che si proponga, se la legge elettorale resterà questa, come alternativa credibile a Berlusconi e al centro-destra, oppure il rinculo in una sorta di nouvelle Unione de la gauche, della quale il leader più credibile e affidabile risulterebbe certamente Nichi Vendola. E che alle elezioni avrebbe zero possibilità di battere Berlusconi. La prima mi pare naturalmente la scelta da fare e il Psi credo dovrebbe dire chiaro a tondo che vuole costruire una coalizione di centro sinistra e non l’Unione de la gauche. Si tolga dalla testa il Pd l’idea della grande Unione democratica con dentro tutto e tutti, da Casini a Di Pietro e Vendola. Casini ha già posto le sue pregiudiziali e ha ragione. Dallo scioglimento del dilemma: con Vendola per perdere nella sinistra e con la sinistra, o col centro per vincere e battere Berlusconi e anche Vendola (sapete com’è, la logica del voto utile si abbatterebbe anche sul bravo e fantasioso governatore pugliese…), dipenderà il futuro di noi tutti. La scelta è semplice. Ma lo sarà anche per il Pd? Io credo che non lo sarà perchè anche il Pd è parte del dilemma. Cosè il Pd? Un partito senza identità messo insieme col triplice proposito di unire centro e sinistra, di creare un sistema bipartitico e di battere Berlusconi. Il centro è rinato e sembra il più forte dal1994, il sistema bipartitico è fallito, anzi oggi è più che mai in disuso, e Berlusconi è ancora in sella e il solo Pd e la sola sinistra finirebbero per rafforzare se non lui certamente il centro destra (se un centro autonomo fosse determinante al Senato si potrebbe alleare con un centro destra privato di Berlusconi e governare il Paese ancora per molto). A ognuno il proprio bilancio. Importante sarebbe che il Pd e la sinistra italiana non diventassero tanti Amleto. E che il dilemma venisse sciolto al più presto.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.