Home » Nazionale

Quando penso a chi compra mi viene subito in mente chi si vende

14 Dicembre 2010 925 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Certo che lo spettacolo è indegno. Promesse di ricandidatura, aiuti, sollecitazioni a cambiare il voto. Tutto ributtante. Però più ancora di chi compra mi fa specie chi si vende. Non sarebbe mai accaduto nella vituperata Prima Repubblica. Mai è capitato che un parlamentare di un partito si vendesse in occasione di un voto di fiducia. De Gasperi non fu salvato dal voto di alcun socialista o comunista e Craxi non venne salvato da alcun democristiamo dopo l’esaurimento del suo ciclo. Non voglio dilungarmi sul perchè, che è chiarissimo. E’ il sistema politico di oggi che è in vendita, contrariamente a quello di ieri. Io non dico: torniamo al passato. Ma solo: finiamola con questo vergognoso sistema di oggi. E magari, se possibile, pensiamo all’Europa e a schieramenti omogenei anche in Italia. E’ pretendere troppo? Intanto però mi chiedo: chi ha messo in lista personaggi che si vendono al primo offerente? Caro Di Pietro, chi ha inventato ieri De Gregorio e oggi Scilipoti e Razzi? E chi ha partorito Calearo, caro Veltroni, o la Polidori, caro Fini? Dunque, se esiste chi si vende, è perchè qualcuno ha mandato in Parlamento gente in vendita. E questa è una grossa responsabilità.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.