Home » Nazionale

Gabriele Cagliari: suicidio di Stato. Guastalla gli dedichi una via

7 luglio 2011 1.336 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

“Miei carissimi Bruna, Stefano, Silvano, Francesco, Ghiti sto per darvi un nuovo, grandissimo dolore. Ho riflettuto intensamente e ho deciso che non posso sopportare più a lungo questa vergogna. La criminalizzazione di comportamenti che sono stati di tutti, degli stessi magistrati, anche a Milano, ha messo fuori gioco soltanto alcuni di noi, abbandonandoci alla gogna e al rancore dell’opinione pubblica. La mano pesante, squilibrata e ingiusta dei giudici ha fatto il resto……. A tutti lascio il ricordo di me che vorrei non fosse quello di una scheggia che improvvisamente sparisce senza una ragione, come se fosse impazzita. Non è così, questo è un addio al quale ho pensato e ripensato con lucidità, chiarezza e determinazione. Non ho alternative….. Addio a tutti. Miei carissimi, vi abbraccio tutti insieme per l’ultima volta. Il vostro sposo, papà, nonno, fratello.” Questi sono alcuni passaggi della lacerante e dignitosa lettera che Gabriele Cagliari scrisse ai familiari prima di fare la scelta definitiva di lasciare la vita terrena. Gabriele Cagliari, guastallese, era un socialista. Fu anche presidente dell’ENI dal 1989 al 1993. Mal gliene incolse. Il 9 marzo 1993 fu arrestato su richiesta della Procura di Milano, accusato di avere autorizzato il pagamento di tangenti per fare aggiudicare una commessa alla Nuovo Pignone, società del gruppo ENI… Erano i tempi di “Mani pulite”, quando il carcere, oggettivamente, determinava una condizione atta ad “indurre l’imputato a confessare anche l’inconfessabile”. Cagliari si suicidò il 20 luglio 1993 nel carcere di San Vittore, dove era trattenuto in custodia cautelare da quattro mesi, “illegittimamente, trattato come non-persona, come un cane ricacciato ogni volta al canile”. Questo noi socialisti non dobbiamo, non possiamo dimenticarlo a 18 anni dalla sua morte. Il miglior modo di rendere onore ad un imputato “non giudicato colpevole dalla magistratura” (e che, nel nostro ricordo, resta persona di grande sensibilità e raffinata intelligenza) è quello di denunciare ancora una volta quel periodo oscuro per la democrazia e per la giustizia italiana. Un atto, quello di Gabriele Cagliari, che il “giustizialista principe”, divenuto (dopo essersi svestito dei panni del magistrato) protagonista della politica, avrà dimenticato? Noi no e riteniamo sia giunto il tempo che a Gabriele Cagliari venga dedicata una strada nella sua amata Guastalla.

Mario Guidetti Gianluca Soliani Mauro Del Bue

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.