Home » Nazionale

Amen

9 Novembre 2011 897 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Dietrologhi all’attacco. Ma Berlusconi si dimetterà davvero? E magari, se si vota a gennaio, si ricandiderà lui? Due risposte che mi sento di dare, secche secche. Berlusconi si è già dimesso. L’impegno assunto col capo dello Stato è solenne. Non si può (ritorna ancora quella sorta di ossessione antiberlusconiana che porta solo a trasfigurare Berlusconi in una sorta di essere superiore) tornare indietro. Anche perchè Berlusconi ha annunciato le dimissioni visto che la maggioranza non c’è più. E non è che la maggioranza ritorna qualora Berlusconi cambiasse idea sulle dimissioni. Potrebbe al massimo succedere a lui quel che è successo a Prodi. Se non si farà un nuovo governo potrebbe toccare a lui condurre il Paese alle elezioni. Non è stato un vantaggio per Prodi, dubito che lo sarebbe per Berlusconi. Anche la sua ricandidatura è follia solo immaginarla. Sarebbe funzionale a far stravincere le opposizioni. Il Pdl e la Lega non credo possano arrivare fino al punto di straperdere così volentieri accettando quel è oggi si è trasformato, da un vantaggio, in un onere. Dunque possiamo dire Amen. Non è il caso invece di preparare funerali, perchè la politica è sempre foriera di imprevedibili resurrezioni. Ma almeno in questa fase politica Berlusconi può dire addio a un ruolo preminente nelle istituzioni repubblicane. Sarà ancora leader del suo partito, probabilmente. Ma il suo partito sopravviverà alla sua fine istituzionale? Questo è il vero nodo dell’attuale situazione politica. Tutto ruota attorno a questa questione. E in particolare dipende da essa l’alternativa “nuovo governo-elezioni”. E’ evidente che un governo di emergenza sarebbe la risposta migliore per il Paese, chiamato a uno sforzo di coesione nazionale a fronte della manovra (anzi delle manovre) che l’Europa ci chiede. Ma per comporre un governo di emergenza ci vuole anche il Pdl o una sua consistente parte. Berlusconi vuole le elezioni, più per puntiglio che per calcolo. Non si è mai visto infatti un partito che desidera così tanto la sua sconfitta. Bersani vuole invece il governo e non le elezioni, nonostante tutti gli assicurino la vittoria. Non si è mai visto neppure una presunta coalizione, data da tutti per vincente, allontanare così tanto il suo pronosticato trionfo. Eppure le cose stanno così (o meglio appaiono così). E forse in quel “presunta” si può ben interpretare la prudenza del Pd (è cosciente che solo con Vendola e Di Pietro forse riuscirebbe a vincere, ma non a governare, ed è egualmente consapevole che mettere insieme Casini, Di Pietro e Vendola non è facile). Resta il fatto che una parte non trascurabile del Pdl non è più in sintonia col suo leader. E l’ipotesi del governo d’emergenza è legata alla sopravvivenza del Pdl o alla sua frantumazione. Se una parte consistente di parlamentari del Pdl sarà disponibile a creare una nuova maggioranza, il governo si farà (e in questo caso per il Pd sarà più facile creare i presupposti per un’alleanza anche elettorale con Casini), se no si andrà alle elezioni. A gennaio, con Natale e Capodanno passati a far comizi, tra tacchini bolliti e fuochi artificiali. E con l’Epifania che tutti i candidati si porta via. Ma ve l’immaginate davvero che in Italia possa succedere?

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.