Home » Nazionale

La ragnatela

25 Novembre 2011 1.037 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Che ipocrita la politica di oggi. Si voleva formare un governo di emergenza. E allora perchè non si è formato un governo di emergenza composto dai partiti, come avvenne subito dopo la Liberazione e come, in qualche misura, avenne anche negli anni settanta, quando si formò una maggioranza di programma con un esecutivo politico dei ministri democristiani? Oggi si è inventato il governo tecnico. Che non può esistere, perchè ogni governo si basa sul consenso di una maggioranza parlamentare, e dunque politica. La vera motivazione della scelta compiuta è che nessuno dei due grandi partiti del bipolarismo italiano vuole confondersi eccessivamente con l’altro. E forse il terzo polo non vuole confondersi con nessuno dei due. E così, il cosidetto governo tecnico è risultato il paravento per evitare il rischio della contaminazione. Questo determina però una serie di evidenti paradossi. Il primo è quello che è emerso in queste ore ed è relativo ai vertici di maggioranza. Verranno convocati invitando tutti insieme, un polo alla volta, un partito alla volta? O forse solo i gruppi parlamentari, tutti insieme, un polo alla volta, un gruppo alla volta? Non si rischia il ridicolo? E a proposito dei vice ministri e dei sottosegretari, si parla di profili tecnici, ma nel contempo si certifica che saranno 12-15 del Pd, 12-15 del Pdl e 5 del Terzo polo. Quindi sarebbero tecnici segnalati dai partiti: tecnici politici, dunque. Una nuova, vecchia categoria. Che cosa cambierebbe? E che dire dei voti parlamentari? Dovranno essere convergenti se no cade il governo. Ma potranno, Pd e Pdl, dire le stesse cose? Dovranno forse dire cose opposte, per salvare il bipolarismo, ma poi votare nello stesso modo. E’ possibile, e soprattutto è credibile? Questa paura di contaminazione è in realtà animata dall’esigenza di tutelarsi l’un l’altro come soggetti alternativi, salvando così un bipolarismo che è invece la causa della crisi italiana. Perchè non ha mai permesso a chi ha vinto le elezioni di governare per risolvere i problemi. Solo Casini azzarda l’idea di puntare sulla convergenza, e non sul bipolarismo, anche dopo le elezioni. E così si vanno definendo le vere alternative politiche che il governo Monti mette alla luce. Quella del ritorno al conflitto e quella della perdurante conciliazione. Di Pietro è l’alfiere più intransigente, assieme alla Lega, che però non credo sia disponibie a un semplice ritorno al passato, del ripristino della scenario pre Monti, assieme a una parte del Pdl, ben interpretata dai giornali di Berlusconi, e anche a una parte del Pd, che fa capo alla sua sinistra (Fassina ne è certo l’esponente più esposto). Quella della permanenza della conciliazione è bene interpretata da Casini (Fini e Rutelli) e passa anche all’interno del Pdl (Formigoni, Lupi, Cicchitto) e del Pd (Veltroni, Morando, Ichino). Chi vincerà questo braccio di ferro? Equivale alla domanda: quanto tempo resisterà Monti? E soprattutto alla domanda più di fondo: quale sistema politico si vuole definire per l’Italia? Si sta tessendo una tela (o ragnatela) che va dunque molto al dà del governo Monti. E che divide tutto quello che è stato unito in questi diciasette anni.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.