Home » Reggio Emilia

Da “Onorevoli commenti” (Forza Reggiana)

3 marzo 2012 2.461 views 3 CommentsStampa questo articolo Stampa questo articolo

Siate benvenuti nella terra della non violenza cari foggiani

Noi al massimo fischiamo qualche giocatore e imprechiamo per le cavolate di un mister che ti fa giocare Alessi mediano e Arati terzino. Ma sempre col sorriso sulle labbra e senza mai eccedere. A Foggia, dopo la sconfitta interna contro la Tritium, frutto di un erroraccio del portiere Ginestra, che deambulava a centrocampo neanche fosse un piccione del Duomo, è successo il finimondo. Giocatori aggrediti e Ginestra, il malcapitato guardiano rossonero, addirittura picchiato. Da noi, invece, pensate la diversità, Calzi, espulso per la quarantesima volta in quel di Vercelli, è stato intervistato da tutti i giornali locali, perfino con deferenza. Che differenza di stile, eh? Tutto ha però un limite. Perché giocare sempre in dieci disturba un po’. Soprattutto quando di fronte hai una squadra attrezzata come la Pro Vercelli, che gioca in uno stadiolo simpatico, che ricorda i fasti del passato più remoto (l’ultimo scudetto venne vinto dai bianchi nel 1922), ma che assomiglia più al vecchio Borelli di Correggio che al nostro del Tricolore. Dunque la proposta potrebbe essere questa: ancora un errore da parte di un nostro giocatore che si fa espellere e trasferimento coatto al Foggia, col solo biglietto d’andata…

Il 12 marzo sfiorisce il Giglio e nasce il Tricolore

La cerimonia di intestazione dello stadio di Reggio, che non si chiamerà più Giglio, è fissata per le 12 e 30 di domenica prossima prima della partita-derby col Carpi. Sarà un momento molto importante e vi parteciperanno le autorità politiche e sportive reggiane, gli sportivi, i giocatori del passato. Questo nuovo appuntamento avviene dopo l’inaugurazione della mostra sulla storia della Reggiana, che è ora collocata nel salone dei palchi dello stadio e che sarà aperta per l’occasione. La mostra si inquadra nel progetto Museo e verrà ulteriormente arricchita coi cimeli della storia granata. A tale proposito sono in contatto con la Rai (grazie anche all’amico Pierpaolo Cattozzi) per poter accedere a tutti i video del passato, anche il più remoto, che interessino la nostra squadra. Ricordo, ad esempio la registrazione di alcuni minuti di un Reggiana-Modena del campionato 1961-62, quando la serie B veniva proiettata in tivù (la Rai aveva un solo programma e non c’erano televisioni private) al lunedì sera. Sarebbe interessante potere dotarsi dunque anche di una videoteca granata, certo con la collaborazione di Telereggio e di Teletricolore per quanto riguarda gli ultimi decenni, da collocare sempre all’interno dello stadio. Se poi ne frattempo arrivasse anche la serie B, visto che mai nella storia granata la Reggiana è rimasta 12 anni di fila in terza (e quarta serie), battendo così il record del 1930-1940 (solo… dieci anni), mica sarebbe male.

Con l’Osservatorio per la videosorveglianza

Martedì sono stato allo stadio ad accompagnare i componenti dell’Osservatorio per verificare la stato del nostro impianto. Uno stadio d’altra serie, come hanno commentato i presenti più abituati a impianti come Pavia e Lumezzane, o Trapani e Siracusa. Da rimanere a bocca aperta. Diciamo al verità, il restiling di Barilli ha funzionato. Colorata la tribuna esterna e interna, rifatti palchi, rimessa a nuovo la sede collocata nel piano dei palchi, colorati e restaurati anche gli uffici della vecchia sede dove verrà sistemato il museo, rifatte le panchine, ristrutturati e ricolorati gli spogliatoi, rimessi a nuovo con colori granata e blù le transenne e le separazioni (proporrò al questore di togliere ogni separazione dal campo alle gradinate) nonché i cubi a lato del campo, mancano ancora alcuni interventi come quello sui seggiolini e la ricoloratura delle due curve, che verranno realizzati in estate assieme al sintetico nei lati esterni del campo di calcio. L’Osservatorio ha raccomandato, e lo si sapeva, l’installazione di un nuovo servizio di videosorveglianza nel settore esterno dei distinti (forse dovranno intervenire i Petali) e il rafforzamento della video sorveglianza di fronte alle due curve. Come dire: anche ciò che è perfetto è sempre perfettibile…

 

3 Comments »

  • Black7Skorpyo said:

    Onorevole, sono un appassionato di video storici della Reggiana, potrei sapere qualche cosa in più su questa sue iniziativa? grazie comunque

  • Mauro Del Bue (author) said:

    Sul museo cerchiamo tutto quello che si può avere sulla storia della Reggiana (video, foto, maglie, cimeli vari). Mauro Del Bue

  • Black7Skorpyo said:

    uhm,qualcosa potrei avere, ma non so se può essere utile o meno. Comunque magari potremmo parlarne meglio a quattr’occhi allo stadio, visto che ci vediamo molto spesso lì.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.