Home » Nazionale

Monti, Squinzi, lo spread e la democrazia

10 luglio 2012 671 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Credo anch’io che il buon Squinzi, grande imprenditore e uomo di sport, si sia lasciato andare a qualche parola di troppo verso il governo Monti. E da neofita penso che gli possa essere anche concesso senza far drammi. E può anche essere che un attacco a fondo a Monti e al suo governo in questo momento possa contribuire ad alzare il tanto conclamato spread. Però mi chiedo: nessun presidente del Consiglio aveva mai prima d’ora accusato un suo interlocutore di essere responsabile, per le sole sue critiche, di creare danni economici all’Italia. Se questa affermazione che oggi è stata rivolta a Squinzi fosse generalizzata, dovremmo dire che ogni autorevole critica al governo Monti è dannosa per gli italiani. Anche , naturalmente, eventuali critiche dei leader dei principali partiti, delle massime istituzioni, dei sindacati, delle testate giornalistiche più vendute, delle televisioni e via dicendo. Non era mai capitato che la democrazia risultasse così condizionata. Il fatto è che Monti può anche avere ragione. Viviamo nell’epoca delle suggestioni e delle sensazioni che condizionano il mercato finanziario. E tutto può determinare un flusso positivo o negativo, anche una sola parola. Resta il tema della democrazia. Se cioè la conseguenza potenzialmente negativa di una critica debba indurre all’omologazione e al silenzio e ancora peggio all’esaltazione per opportunità e interesse. Da socialista liberale ho qualche dubbio, ho forti dubbi

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.