Home » Reggio Emilia

Onorevoli commenti (Dal Forza Reggiana del 30 settembre 2012)

30 settembre 2012 726 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Due colpi da Finocchio

A costo di essere accusato di omofobia, dico che Reggio domenica scorsa ha odiato i Finocchi. Quando quel giocatore, che non sapevo residente proprio da noi, è entrato in campo, ho avvertito un turbamento. Vuoi vedere, mi sono detto, che uno con un cognome così ci… Quando si dice: i cattivi pensieri. Lui è stato impietoso e micidiale. Noi superlocchi. E anche masochisti. Sapevamo di costui. Almeno prendete le contromisure. E invece niente. Dopo un primo tempo alla Zeman abbiamo disputato un secondo tempo alla… Zeman. Da annichiliti al bromuro. Hai visto Ardizzone e Viapiana che quarantacinque minuti, santo cielo. Sembravano razzi. Nel secondo tempo erano morti che camminano. E Antonelli e Matteini, dove si erano cacciati? Fatto sta che il bel cigno si trasformò nel brutto anatroccolo. E noi a guardarci lì negli occhi, a casa mia dinnanzi alla televisione, come tramortiti. Con Tosi che sbraitava parole di stupefatta delusione. Ma almeno intervieni, no, tu, Zauli, che dalla panchina non puoi restartene fermo e zitto per mezz’ora mentre i nostri venivano azzannati e ridotti in poltiglia. Fai qualcosa, metti Tomasig centravanti, che so. Ma fai qualcosa. Ha ragione il buon Vacondio a Teletricolore a suggerire che a fronte di una disfatta annunciata si tentano altre carte, compresa quella della confusione. Meglio la confusione che la rassegnazione. Non ce l’ho con Zauli sia ben chiaro, perché è allenatore di grande equilibrio e buon senso, al contrario di altri che si credevano Soloni del calcio. Però assistere impotenti, diciamo così, a due colpi da Finocchio, no questa non me l’aspettavo proprio. Un dolore atroce.

Matteini, quando la spontaneità è d’oro

Davide Matteini sembra uno da Vernacoliere, il giornale dialettale livornese che si può leggere anche in via Crispi. Ti parla in toscano e ti guarda come si guarda uno al quale non si può mai mentire. E’ uno al quale non affideresti mai la morosa, ma la macchina sì. Avevamo più d’un dubbio a riconfermarlo quest’anno. E invece il buon Davide, che già l’anno scorso si era rivelato migliore nell’ultima parte della stagione, in queste due partite in casa ha strappato applausi e consensi unanimi. Ottimo scatto, tiro potente, continuità nelle giocate, capacità di tornare a difendere. Davvero un gran bel giocatore. Un lusso per la Legapro. Lui stesso ha però ammesso: “Io gioco una volta da otto e una da quattro”. Complimenti per la sincerità. Basta che Davide ce lo dica prima. Oggi giochi da otto e allora ti faccio giocare, se invece prevedi un quattro allora metto dentro un altro. Anche un pisano.

Fine delle trasmissioni

Dopo mesi di trattative, vere o finte, di tentativi di acquisire società e stadio, Beppe Conti ha levato gli ormeggi. Mi sono preso un po’ di tempo per commentare il tutto. Lo faccio sinteticamente ora. Conti è persona affidabile sul piano economico e, dalle notizie che ho attinto a Ragusa (dove ho trascorso alcuni mesi da commissario del mio partito a cavallo degli anni novanta), è anche una brava persona, impegnata nel sociale e con buoni rapporti con la società siciliana, quella per bene. Circolano altre versioni dell’uomo, che però vanno tutte verificate e per quanto mi riguarda non do adito ad accuse quando non siano circostanziate e provate. Conti è anche un esperto manager dello spettacolo e possedeva la più grande discoteca del Sud Italia, venduta, mi dicono, per ben 40 milioni di euro. Adesso è imprenditore nel campo turistico. Ha fatto, in mia presenza, una proposta a Barilli di acquisto della Reggiana per un milione mezzo di euro (la metà in contanti e la metà in immobili) e so che altre proposte sono state discusse dai due. Non sono in grado di dire se avrebbe mantenuto fede alle proposte, scucendo anche i soldi. Con Campani non l’ha fatto. Aveva firmato un preliminare di acquisto del 50% dei crediti dello stadio e il suo estroso amico Berni già vaticinava di milioni di euro da investire, poi, quando è stato il momento, si è defilato adducendo futili motivi. Adesso tutto è nelle mani di Barilli e Campani. Da loro dipende il congiunto destino della Reggiana e dello stadio. Farò di tutto perché  trovino un’intesa. Per il bene della Reggiana.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.