Home » Nazionale

Evviva il professionismo politico

16 Marzo 2013 2.964 views 2 CommentsStampa questo articolo Stampa questo articolo

Anche perchè il suo contrario non è il nuovismo, ma il dilettantismo. Ed è proprio quello che ha caratterizzato questi ultimi vent’anni di politica, o non politica, italiana. Sono stati aperti da una rivoluzione che ha cacciato come mercanti dal tempio i vecchi dirigenti e si sono caratterizzati dalla presenza di partiti senza storia e senza identità, il più vecchio dei quelli è stata la Lega, nata alla fine degli anni ottanta, e da classi dirigenti rinnovate, tranne alcune e non marginali eccezioni, che corrispondevano alle seconde fila della vecchia partitocrazia. Oggi siamo alla seconda rivoluzione, la prima di carattere prevalentemente giudiziario, la seconda di origine sociale e motivata dalla drammatica situazione economica. Ancora si parla di nuova politica, e giustamente, se la vecchia é stata quella che si è praticata in questi vent’anni, ma si sbaglia l’obiettivo. L’obiettivo non può essere il professionismo politico, ma il dilettantismo, l’incapacità, l’impreparazione politica. Il tema di fondo é la mancanza di una classe dirigente politica autorevole, capace di farsi sentire in Europa, di mettere in discussione parametri e pretese, di non rassegnarsi al primato del mercato. In questi vent’anni non abbiamo avuto leader carismatici. Non ci sono stati dei De Gasperi, dei Togliatti, dei Nenni, dei Saragat, dei Berlinguer, dei Moro, dei Craxi. La politica ha espresso nuovi profili che provenivano dalle professioni, come Berlusconi, Tremonti, ma anche Monti, o personalità politiche decisamente prive di carisma come Prodi e Bersani. Forse solo D’Alema e Fini potevano fare eccezione, ma sono stati entrambi vittime proprio dell’accusa più indecente, quella di essere professionisti della politica. Come in fondo lo erano tutti i leader prima richiamati e che, non a caso, non sono mai stati sottoposti a vincoli sul numero di mandati parlamentari. Adesso il grillismo imperante giustamente mette sotto accusa le classi dirigenti degli ultimi vent’anni, e la cosiddetta politica di oggi non solo non sa difendersi, ma gli strizza l’occhio e gli dà in fondo ragione. L’elezione della Boldrini e di Grasso, al di là della scelta, certo encomiabile, delle due persone, mette proprio in rilievo questo elemento. Franceschini e la Finocchiaro erano scelte troppo sgradite alla filosofia grillina, che si cerca di stuzzicare, di assecondare, di importare anche se a lisciare troppo il pelo dell’orco si finisce per fare un brutta fine. Probabilmente la Boldrini si rivelerà un’ottima presidente della Camera e Grasso un eccellente presidente del Senato, ma né l’uno né  l’altro hanno alcuna esperienza politica e istituzionale. Cioè hanno in fondo quelle caratteristiche grazie alle quali sono stati scelti. Non l’esperienza, ma l’inesperienza, non la preparazione, ma l’impreparazione. È la filosofia grillina del tutti a casa. Purtroppo la mancanza, solo in Italia, di partiti d’identità, che sono senza storia e senza tessuto connettivo che non sia l’adesione all’anticomunismo senza comunismo o all’antiberlusconismo anche dopo Berlusconi, ha contribuito a espellere dalla politica molti vincoli ideali. E la politica appare sempre più come una semplice occasione di carriera, per di più ben remunerata. Quel che manca però, semmai, è proprio un diverso tessuto politico che sia in armonia con l’Europa e con la storia dell’Italia. Non le vecchie strutture costose, ma agili strumenti di organizzazione e comunicazione, capaci di educare e preparare nuovi dirigenti politici. Quel che manca non è il vecchio nuovismo della seconda repubblica, che si cerca di affondare con un rinnovato nuovismo altrettanto pericoloso per l’Italia, ma una nuova classe dirigente con alta professionalità politica. Per il nostro futuro e per quello, ahimè alquanto incerto, dei nostri figli.

2 Comments »

  • Alvaro azeglio Mancioli said:

    Non capisco questa velata critica ai nuovi presidenti adducendo mancanza di esperienza politica. Stiamo predicando il rinnovamento da anni e una volta che questa tesi comincia a fare capolino, eccoti i soliti lamenti. Per bacco, l’esperienza specifica la faranno sul terreno come tutti, se non si comincia mai, dovremo riproporre sempre i soliti noti on the stage.

    Aspettiamo di vederli all’opera, poi valuteremo. Intanto hanno anticipato iniziative di riduzioni di spese non di poco e hanno dichiarato una riduzione del 30 per cento del loro stipendio. Mi chiedo quando mai i professionisti della politica hanno fatto tanto. Io voto socialista da 40 anni e continuerò a farlo, tuttavia devo confessare che Grillo avrà per sempre il merito di aver dato uno scossone al vecchio sistema che altrimenti avrebbe durato per altri 40 anni. La politica richiede passione e senso del “civil service” e non dve essere vista solo come trampolino di lancio per interessi personali tout court. Ogni personalità politica il mattino quando si guarda allo specchio prima di uscire di casa deve essere consapevole che da quel momento non é più Mr. Rossi ma un rappresentante delle istituzioni e dei cittadini italiani e, come tale, si deve comportare.

  • Mauro Del Bue (author) said:

    Nessuna critica preventiva. Ma anche nessun elogio preventivo. Non basta essere nuovi per essere bravi. Anzi a volte l’inesperienza può giocare brutti scherzi…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.