Home » Nazionale

Se la Germania invaderà l’Hollande…

6 Ottobre 2014 678 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Non sarebbe la prima volta. Eppure i segnali di guerra, politica ed economica, non mancano. Quell’ordine di fare i compiti a casa è più di una pretesa. È un segnale di sfida. La Francia non sta nei parametri europei, e allora alla fine del trimestre la pagella sarà negativa. Guardate come sono state brave l’Irlanda, la Spagna, la Grecia e il Portogallo. Dobbiamo metterle in difficoltà perché i compiti li hanno fatti e anche bene? Dobbiamo considerarle anche un po stupide perché hanno studiato e si sono preparate al meglio rinunciando al benessere? Anzi, sacrificandosi oltre il lecito? E dovremmo anche nominare adesso quel francese dal nome mediorientale, Moscovici, responsabile degli Affari economici della Commissione, solo perché, per ottenere i voti, annuncia severità nei confronti del suo paese?

Anche Renzi, da bravo italiano, è da tenere sotto controllo. Dice di rispettare il parametro del tre per cento deficit-Pil, ma a parte il fatto che l’Italia è un paese con un debito superiore alla Francia (135 contro 95 per cento del Pil), Renzi doveva scendere fino a poco più del due, mentre adesso improvvisa una riforma del mercato del lavoro che ancora risulta indecifrabile e non si sa quando sarà approvata, poi presenta un Def con soli 5 miliardi di tagli (e la spending review?), infine sostiene che abbasserà le tasse e che investirà nelle opere pubbliche. Questo Renzi è diverso da Hollande perché quest’ultimo dice quel che fa, quell’altro fa quel che non dice.

La Francia dunque sarà punita e l’Italia, che già era stata colpita da un provvedimento di infrazione, rischia anch’essa. Il vero problema, che si fa finta di non capire, è che i parametri di Maastricht sono stati pattuiti nel 1992, quando non esisteva la crisi e quando la disoccupazione era al minimo. Possibile che debbano valere ventidue anni dopo? In particolare quel tre per cento sul Pil che peraltro doveva essere tendenziale e registrare anche temporanei sforamenti e che oggi viene ritenuto un sacro comandamento. Se anche il fiscal compact pare oggi una pia illusione, non si potrebbe rivedere quel parametro, per primo sfondato proprio dalla Germania, o almeno interpretarlo alla lettera come figura in quel trattato poi non modificato dai successivi di Amsterdam, Nizza e Lisbona? Domanda semplice. Signora Merkel non faccia come un suo predecessore, non invada l’Hollande, e poi, dopo un tradimento subito, non invada nemmeno l’Italia. Oltretutto porta male…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.