Home » Reggio Emilia

Davanti al monumento della Resistenza per la libertà

10 gennaio 2015 2.226 views One CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Ho convocato un sit in per testimoniare il nostro amore per la libertà. Sono venuti amici al freddo e al buio per dare un segnale di vita e di luce. A Reggio non si era ancora mosso niente e nessuno, poi abbiamo appreso dell’opportuna iniziativa di domani di Comune e Provincia alla quale invitiamo tutti ad aderire. Oggi non si può rimanere in silenzio. Le stragi di Parigi sono stragi di libertà. Non è una guerra di religione quella che è iniziata, ma una guerra al terrorismo di matrice islamica a cui anche i mussulmani che credono nella democrazia e nell’integrazione devono partecipare. Noi dobbiamo essere consapevoli della superiorità della nostra cultura liberale, ma anche della necessità di non piegarci. SSarà una guerra lunga e la dobbiamo vincere. Reggio ha due obblighi per combatterla. Quello che deriva dall’alto tributo della nostra lotta al nazismo, quello che ci deriva dal nostro tricolore che si ispira a quello francese e ai suoi ideali di libertà, di fraternità e di eguaglianza. Massacrare giornalisti significa abbattere un principio fondamentale sui cui si basa la nostra democrazia. Sostenere che Charlie Ebdo sia andata oltre le righe, significa giustificare che quelle righe possano segnare il confine tra la vita e la morte. Non c’è nessuno che possa, per quanto alto possa essere il suo livello di profanazione, essere responsabile del suo omicidio. Anche l’attacco al supermercato frequentato da ebrei è un vile attentato alla libertà di religione. Bisogna fermare l’odio e la violenza, il fanatismo e l’orrore con la forza della politica, del dialogo, ma anche delle armi. Non si vince questa guerra solo con le idee, purtroppo. Di questo dobbiamo essere consapevoli.

One Comment »

  • Angelo said:

    Sobrietà, emozione, consapevolezza di uno scontro frontale con un nemico dal volto coperto. La descrizione di quanto accaduto senza scadere nella retorica. Saper usare le parole, metterle in fila per essere consecutivi, e far capire a chi digiuno di argomenti parla di musica solo perché ha acquistato un diapason al mercatino di Natale. E’ tempo di conoscere come stanno le cose. Angelo

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.