Home » Nazionale

Bianca, bianca, Bianco…

28 Gennaio 2015 1.280 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

M’ero abituato nel 1992, durante la lettura del voto effettuata con voce stridula e stentorea dal presidente della Camera Scalfaro, a quel “bianca, bianca” cui immancabilmente seguiva per antonomasia un “Bianco”, allora presidente del gruppo democristiano di Montecitorio. Ma esisteva il proporzionale. Le prime tre votazioni con la maggioranza di due terzi non sono quasi mai state decisive (solo nel 1985 per Cossiga e nel 1999 per Ciampi lo furono). Si trattava di comporre un puzzle molto complicato, visto che la sola maggioranza di governo non raggiungeva quella quota. Oggi, in epoca di maggioritario e poi di premio di maggioranza prima senza tetto e con l’Italicum con un tetto del 40 per cento, le garanzie sancite dalla Costituzione dovrebbero assumere valore solenne. Tanto più che nella riforma costituzionale è previsto un ulteriore aumento della maggioranza qualificata che da tre turni dovrebbe salire a sei. Questo in presenza di un premio al primo partito che superi al primo turno il 40 per cento. Oggi che il premio è attribuito a un partito che ha raggiunto il 25 per cento e che sfiora dunque, anche in presenza di un Senato che ne attenua il carattere maggioritario, la maggioranza assoluta dei grandi elettori, si impartisce l’ordine di votare scheda bianca per passare la nottata delle prime tre votazioni. Meno male che il Pd è diviso. I dissidenti del Pd rappresentano una garanzia democratica, unitamente alla presenza di un Senato eletto diversamente. Altrimenti il Pd, 446 seggi, magari col supporto di qualche indipendente, alla quarta votazione potrebbe eleggere, col 25 per cento, il presidente della Repubblica che crede. Beffe della democrazia.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.