Home » Nazionale

Azzollini salvato da un Pd garantista

29 luglio 2015 600 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Ha ragione il nostro Buemi, ancora una volta. Ha studiato bene (l’hanno fatto tutti?) le carte sulla richiesta di arresto del senatore Azzollini, indagato per via di vicende relative a una casa di cura pugliese, della quale viene descritto come dominus assoluto. E ha fatto bene a distinguere. Una cosa sono le indagini e le motivazioni per arrivare al processo che dovrà stabilire la colpevolezza o meno dell’indagato. Altra cosa è la richiesta, anzi la pretesa, dell’arresto preventivo. Per tutti questo diviene possibile solo in presenza di tre fattispecie di reato: il pericolo di fuga, l’inquinamento delle prove, la reiterazione del reato. Nessuna di queste motivazioni, a giudizio di Buemi, può reggere nei confronti del senatore indagato. Generalmente poche volte queste tengono a fronte dell’arresto di un semplice cittadino, tanto che su questa materia i radicali e i socialisti avevano proposto un referendum abrogativo. Certo per un semplice cittadino non esiste l’istituto dell’autorizzazione e il criterio del fumus persecutionis. Dunque non è che bisogna accettare l’arresto di un parlamentare perché il carcere preventivo viene ingiustamente previsto per un semplice cittadino. Bisogna evitare con una radicale modifica del testo che escluda specifici reati che tutti i cittadini subiscano una palese ingiustizia. Anche il Pd ha votato contro la richiesta d’arresto. È importante questa novità se é conseguenza di un ragionamento garantista. Lo è meno se riservata esclusivamente a suoi aderenti o alleati. Per essere garantisti credibili bisogna esserlo innanzitutto con gli avversari.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.