Home » Nazionale

I copioni

3 agosto 2016 229 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Era successo alla bella moglie di Trump che aveva preso alla lettera le frasi di Michelle Obama e si era commossa come lei. Anche le lacrime erano identiche. Adesso tocca a Virginia Raggi, il o la sindaco o sindaca di Roma. Lei sembra sempre davanti al lupo cattivo che gli chiede “che occhi grandi che hai e che orecchie grandi che hai (queste davvero…)”. Guarda con gli occhi stupiti, allarga le orecchie e ti sciorina una relazione presa in parte dal programma dei verdi e dall’agenda digitale. Possibile che non s’accorgano, costoro, che i giornalisti non sono distratti come i professori di una volta? Il finale è ancora più esaltante. Virginia, finito di leggere la relazione, lascia il Consiglio perché deve andare a prendere il figlio di otto anni a scuola. Possibile che se un uomo fa il sindaco a prendere il figlio a scuola vada la moglie, mentre se è la donna che è sindaco allora debba andarci lei? La parità tra uomo e donna non è prevista alla Casaleggio srl?

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.