Home » Nazionale

La bimba di Londra

29 agosto 2017 160 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Partiamo dalla premessa. Londra ha eletto un coraggioso sindaco musulmano che combatte il terrorismo e il fondamentalismo, esponendosi in prima persona. E’ però una città colpita dalla violenza islamista, proprio perché culla della civiltà liberale e della convivenza pacifica di razze ed etnie. E non da oggi. Ha suscitato un certo clamore il caso di una bambina di famiglia cristiana affidata (non sono stati resi noti i motivi del distacco dalla famiglia naturale), anche per la scarsità di domande nel quartiere povero dove agiscono i servizi e dove hanno residenza le famiglie coinvolte, a una famiglia (il Times riferisce di due famiglie, e la cosa appare ancora più incredibile) di origine musulmana. I nuovi genitori avrebbero pensato bene di strapparle di dosso la collanina col crocifisso e di insegnarle l’arabo, nonché di imporle i divieti religiosi sul cibo.

Il Times ha visto documenti riservati del municipio di Tower Hamlets, che amministra una delle zone più povere di Londra e con un forte tasso di immigrazione, in cui un responsabile dei servizi sociali descrive le forti difficoltà della piccola ad ambientarsi nelle sue nuove case dove “non si parla inglese”. Sarebbe stata la piccola a denunciare il suo forte disagio ad ambientarsi nella nuova situazione. Francamente mi riesce complicato non attribuire qualche responsabilità a chi ha assunto questa decisione. Mentre le regole inglesi prevedono che “convinzioni religiose, origini razziali e sfondo culturale e linguistico” abbiano un peso nella scelta delle famiglie d’affido, questi criteri pare non siano stati rispettati. Tuttavia, data la scarsità di case d’affido di minoranze etniche, secondo il quotidiano, capita che bambini che provengono dall’estero vengano affidati a famiglie britanniche. La maggior parte dei problemi di differenze culturali riguardano questi casi, mentre é piuttosto raro che capiti il contrario.

Leggo che l’equiparazione viene fatta in questo modo dai soliti profeti del giutificazionismo ideologico anti occidentale. Se fosse stata una bimba musulmana ad essere ospitata in una famiglia cattolica o protestante, nessuno si sarebbe scandalizzato nel caso fosse stata educata alla nuova religione. Il vero paragone é invece quest’altro. E insisto, visto che qualcuno non distingue tra paesi fondati sulla libertà e paesi fondati sull’oscurantismo religioso. Proviamo a immaginare questa situazione. In un paese islamico, quello che volete, non solo Arabia Saudita o Qatar, una bambina di famiglia musulmana viene affidata a una famiglia cristiana. Mi fermo qui. Non vado oltre. Non parlo di collanine e di carbonare. E’ letteralmente inimmaginabile….

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.