Home » Nazionale

Habemus Rosatellum

27 ottobre 2017 160 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

In Italia registriamo due singolari anomalie. Partiamo dalla prima. Dal 1994, dall’inizio di quel che abbiamo definito abusivamente Seconda repubblica, l’opposizione ha sempre prevalso in ogni consultazione politica. Nel 1996, dopo il governo Berlusconi poi sostituito da quello Dini, ha vinto Prodi col suo Ulivo, soprattutto a causa della divisione tra Forza Italia e Lega. Nel 2001 ha vinto ancora Berlusconi, dopo la crisi del governo Prodi e le successioni di D’Alema e Amato. Nel 2006 ha rivinto (di pochissimo) Prodi con la sua scalcagnata Unione, ma nel 2008, dopo una nuova crisi dovuta al caso Mastella, alla dissociazione di qualche esponente di Rifondazione e al nuovo cambio di casacca di Dini, ha prevalso ancora Berlusconi (il solo ad avere vinto per tre volte le elezioni), ma dopo il caso del 2011 e la sua sostituzione con Monti, alle elezioni successive ha vinto d’un soffio alla Camera (grazie a un premio di maggioranza dichiarato incostituzionale) un Patto per l’Italia di centro-sinistra senza maggioranza al Senato e subito scorporato.

Sempre ha prevalso l’opposizione, il centro-sinistra ha vinto sempre e solo d’un soffio e si è sempre diviso nelle due occasioni in cui ha prevalso, e nella terza (in cui ha sostanzialmente pareggiato) ha dovuto accettare un governo di più ampie intese, dividendosi al primo voto. La governabilità non è mai stata assicurata dalle elezioni e nessuna delle due leggi elettorali finora utilizzate (una prevalentemente maggioritaria e l’altra proporzionale, ma con un premio di maggioranza alla prima coalizione) ha saputo garantire uno svolgimento senza traumi, scissioni, transumanze, spesso successioni alla guida dei governi, delle legislature. Anche la legislatura più tranquilla, quella 2001-2006, ha conosciuto una crisi di governo, il caso Follini, a fine mandato la separazione dell’Udc, nonché la fondazione “forzata” del Pdl. Non c’è legge elettorale al mondo che possa assicurare la governabilità di legislatura. Nemmeno l’Italicum a doppio turno, che non avrebbe potuto evitare le scissioni postume di liste elettorali costruite solo per vincere.

La seconda anomalia tutta italiana è costituita dal fatto che i promotori di una legge elettorale perdono poi sistematicamente le elezioni. Fu così col Mattarellum voluto dalla sinistra per rispettare la volontà referendaria e che portò alla vittoria di Berlusconi nel 1994. E’ stato così col Porcellum voluto dal centro-destra e votato a maggioranza, che portò alla vittoria di Prodi. Potrebbe essere così anche col Rosatellum che, sondaggi alla mano, condurrebbe alla prevalenza del centro-destra, pur portando il nome del capogruppo del Pd. Dunque perché lacerarsi le vesti? Il Rosatellum, a mio giudizio, è assai meglio della legge, anzi delle leggi attuali. Lo dico anche ai grillini che si mostrano bendati e incazzati, che chiamano a raccolta il popolo, che insultano il Parlamento, che riscoprono la democraticità di Mussolini e anche (spero sia solo una battuta) l’esistenza non solo del benessere, ma anche del sesso, a Cinque stelle. Siamo passati dal Porcellum all’Italicum uno, al Consultellum al Senato e all’Italicum due alla Camera e oggi a una nuova legge elettorale. Fino a quando l’Italia non si darà una nuova veste istituzionale, rincorreremo nuove leggi elettorali come chimere, generalmente frutto di compromessi, magari con l’intento di avvantaggiare chi le propone ma spesso col risultato beffardo di favorire chi si oppone

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.