Home » Nazionale

La lezione siciliana

6 novembre 2017 72 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Dico subito che non è per nulla male che i Cinquestelle abbiano perso le elezioni siciliane, pur confermandosi il primo partito dell’isola. Troppo forte e pericoloso sarebbe stato l’impatto di una vittoria grillina sull’esito delle prossime elezioni politiche. Resta il fatto che il partito di Grillo e della Casaleggio associati può, a ragione, confidare di puntare alla prima posizione tra le liste anche alle elezioni politiche ma, senza alleati, anche questa eventualità si trasformerà nella classica vittoria di Pirro. Sono sicuro che il problema delle alleanze, se non elettorali post elettorali, sarà al centro delle riflessioni immediate all’interno del movimento.

La vittoria del centro-destra e l’elezione del suo candidato governatore Musumeci dipende da quattro fattori: la sua ritrovata, e forse solo apparente, omogeneità nell’ambito di una forte ripresa in Italia e in Europa di tutti i movimenti moderati e conservatori, poi il giudizio negativo sul quinquennio precedente, inoltre la divisione e le polemiche nel campo del centro-sinistra, e infine l’effetto Renzi che ormai si produce all’incontrario. Il Pd perde clamorosamente, dopo avere perso il referendum del dicembre scorso, le elezioni di Genova, Piacenza, Pistoia, dopo quelle di Roma e di Torino. Perde la Sicilia dopo aver perso la Liguria, viene dato da tutti i sondaggi in caduta libera. E’ evidente che al suo interno si produrranno riflessioni dagli esiti imprevedibili. Renzi, gia prima del prevedibile esito elettorale siciliano, si era detto disponibile a non fare la parte del candidato premier del centro-sinistra. Forse sarebbe utile sfruttare per questo scopo la buona popolarità di Gentiloni.

Se il Pd piange chi sta più a sinistra non ride. Il risultato di Fava e dell’Mdp appare piuttosto modesto, molto lontano da quello di Micari che si intendeva avvicinare o addirittura superare, e soprattutto indica che gli elettori del Pd in uscita hanno scelto di percorrere altre strade e non quelle indicate dalla sinistra tradizionale. Ottimo, invece, in questo contesto, il risultato della lista Sicilia futura, ove sono confluiti i socialisti, col nome del Psi nel simbolo. La lista pare avere superato lo sbarramento elettorale del 5 per cento, con buone probabilità di elezione per qualche socialista. Non risultano altre presenze di socialisti in altre liste. I nostri dissidenti sono rimasti in movimento…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.