Home » Nazionale

Pappatoia

30 marzo 2018 190 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Non era mai accaduto nella storia repubblicana. Su 32 posizioni degli uffici di presidenza di Camera e Senato il partito che ha annunciato di voler stare all’opposizione ha avuto due cariche di vice presidente, nessun questore, mentre il movimento Cinque stelle sfiora la maggioranza assoluta e domina negli uffici dei questori. Addirittura manca un solo esponente Pd tra i segretari di presidenza delle due Camere, che tradizionalmente venivano accordati a tutti i gruppi, compreso il misto. C’é da restare senza parole, e invece dobbiamo parlare per sottolineare due ragioni che stanno alla base di questa scelta dissennata.

La prima é relativa a una concezione malata della democrazia. I Cinque stelle non hanno vinto le elezioni. Col 32 per cento non si governa e non si detta legge. La Dc non lo fece col 48 per cento e la maggioranza assoluta in una Camera, ottenuto nel 1948. Eppure l’idea che col 32 per cento si debba governare (Berlinguer sosteneva che non era possibile nemmeno col 51) é convinzione radicata per loro. Quasi un dogma o un mantra. Di Maio ha diritto a diventare presidente del Consiglio e non si accetteranno subordinate. Bella concezione della democrazia, non c’é dubbio.

Ma la seconda ragione é l’uso politico che i Cinque stelle, forse col consenso di Salvini o forse no, intendono fare degli uffici di presidenza a partire da quello della Camera. Loro ossessione sono, come é noto, i vitalizi. Dicono che vogliono applicare agli ex parlamentari che ne hanno diritto il sistema in vigore per tutti gli altri pensionati. E invece, sposando la legge Richetti, applicherebbero un contributivo integrale che, oltre ad essere retroattivo e dunque incostituzionale, é anche applicato prima che il contributivo ci fosse, cioè antecedente il 1996. Cosa che non avviene per nessuno dei venti milioni di pensionati. Non so se vorranno fare altri tagli, e dove. Io ne proporrei uno costituzionalissimo. E cioè quello ai loro stipendi che ammontano al triplo dei più alti tra i vitalizi.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.