Home » Nazionale

Generazione

18 aprile 2018 154 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Difendo la mia generazione dove individui con una o due lauree hanno sacrificato la professione per fare politica a tempo pieno. Hanno sfidato con la qualità delle idee e con una solida cultura ed esperienza politica, maturata nel movimento studentesco già a partire dai Licei, la generazione precedente sostituendola senza accantonarla e tanto meno rottamarla. Hanno saputo affermarsi cominciando ad attaccare i manifesti, a servire alle feste di partito e a scrivere e distribuire volantini, a girare per le sezioni con una cinquecento scassata, dove si trovavano compagni che brontolavano sempre, a organizzare congressi e campagne elettorali. Poi, dopo una dura selezione sul campo, qualcuno veniva eletto dirigente e se aveva i voti consigliere comunale della sua città. Solo chi mostrava una forte capacità di leadership poteva aspirare al Parlamento, dove si accedeva a suon di preferenze e ne occorrevano tantissime e in più province. La vita politica era dura con mille tensioni anche interne e capitava di perdere il sonno senza poter perdere un attimo. Ci voleva molta passione, ma anche un carattere forte. Era un mestiere, diciamo la verità, che per tempra solo in pochi potevano permettersi, ma non era riservato ai ricchi. Anzi. Tanti figli di operai hanno avuto la possibilità di emergere grazie ai partiti. Gli altri, per dirla con Venditti, andavamo in banca e ci facevano anche un po” pena. Siamo stati presuntuosi? Forse ma a 31 anni non abbiamo mai pensato di fare il presidente del Consiglio. Ne’ di passare da sindaco a premier cacciando in malo modo gli altri. Avvertivamo un rispetto sacrale per i nostri vecchi. Quasi tutti noi sfornavamo giornali a getto continuo e avevamo imparato bene l’arte della polemica e dell’ironia. Sapevamo scrivere relazioni, programmi, articoli, libri. Qualcuno di noi vive oggi praticamente solo attraverso un vitalizio parlamentare dopo aver rinunciato a una professione che gli avrebbe dato di più. Ho voluto ricordare tutto questo per difendere le nostre scelte di vita e il nostro contributo dato alla democrazia italiana. Ho voluto ricordarlo a tutti i giovani che pensano che coloro che li hanno preceduti hanno fatto.politica per interesse e non perché stimolati da un forte richiamo ideale. Ho voluto ricordarlo anche a me stesso perché, tutto sommato, e nonostante il fallimento del nostro progetto politico, esploso, proprio dopo la nostra vittoria storica, con i calcinacci del muro di Berlino, io non riesco a essere insoddisfatto della mia vita. Mi scuso del disturbo ma avevo bisogno, forse interpretando anche il sentimento di molti altri, di confessarvelo.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.