Home » Nazionale

Sto con Mattarella

28 maggio 2018 256 views 2 CommentsStampa questo articolo Stampa questo articolo

Giusto dire in questo momento con chi si sta. Io sto con Mattarella che si é comportato come l’articolo 92 della Costituzione prevede. Già aveva accettato, pur non condividendola, una prassi anomala per la costituzione del governo, poi aveva dato mandato a uno sconosciuto per formare un governo con un programma già fatto. Adesso vogliono metterlo sotto stato d’accusa perché ha posto ragioni al rifiuto di un ministro, offrendo altre opportunità. E questo in ottemperanza all’articolo 92 della Costituzione che gli affida poteri di nomina dei ministri.

Siamo alla crisi istituzionale più acuta della Repubblica italiana. A questo punto, dopo il probabile mandato a Cottarelli, che non penso potrà ottenere la fiducia se mai dovesse formare un governo, e all’alta possibilità di un ricorso anticipato alle urne, occorre una grande chiarezza negli schieramenti. Se è morto il centro-destra, dopo la posizione opposta tenuta anche oggi da Salvini e Berlusconi, risulta altrettanto defunto il centro-sinistra. Si formi un polo repubblicano per la difesa della democrazia, dell’europeismo e dello sviluppo italiano. Ovunque le forze socialiste, liberali e popolari si adoperino per far si che in Italia non vincano sovranisti e populisti.

So bene che gli elettori rischiano di essere tanti San Tommaso e si affidano volentieri a chi promette paradisi artificiali e vaneggia su poteri forti (fantasmi ignoti, forse i vignettisti tedeschi) che non consentono la nascita di un governo votato (in realtà mai votato in quanto tale) dagli elettori. Lo spread, i mercati, il debito, il Pil, non sono poteri. Sono le conseguenze, oltre che delle leggi e delle proposte, dei giudizi, degli atteggiamenti, delle suggestioni che si determinano. E nell’epoca della globalizzazione riscoprire una tendenza sovranista é fuori dalla storia e pericoloso per l’Italia.

I socialisti staranno coi socialisti europei, e questi ultimi devono contrarre un’alleanza stabile coi democratici, i liberali e anche i popolari perché l’Europa di domani non sia quella di oggi. La vera alternativa tra europeisti e sovranisti ne comporta un’altra, tra rigoristi e sviluppisti. Ormai quel che occorre è un grande programma di immediata, possibile realizzazione, del fronte europeista favorevole alla creazione degli Stati uniti d’Europa con una politica economica di massiccio rilancio degli investimenti. Occorre che qualcosa si faccia subito anche verso l’Italia per non creare le condizioni di una possibile vittoria elettorale, se alle elezioni, come è probabile, si arriverà, del duo lego-pentastellato. Siamo al dunque. Saranno giorni difficili per l’Italia ma è nelle difficoltà che riemerge l’alta politica che da troppi anni é assente nella nostra Penisola.

2 Comments »

  • piero paoli said:

    Bravo Mattarella….. Sono con te!! Piero Paoli

  • Santo Grasso said:

    io sto con Mattarella

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.