Home » Nazionale

Tonino e il pugno chiuso

17 Novembre 2018 327 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Qualcuno é rimasto favorevolmente impressionato. Si torna a salutare come un tempo facevano i vecchi socialisti. Anche Mitterand, Soares e Gonzales, e perfino il nostro Craxi, negli anni settanta alzavano il pugno. No, ragazzi, Tonino, che vede tunnel che non ci sono e nega ci siano quelli esistenti, non conosce la storia. Non credo abbia mai letto un libro. Forse Pinocchio. Non é socialista o comunista. Quel pugno lì, al Senato, lo ha alzato per esultare a mo’ di ultras. Come se avesse fatto gol la sua squadra. E aveva solo visto approvato il decreto per Genova. Che nostalgia per l’asciutto e anche un po’ algido comportamento dei vecchi democristiani. Che approvavano quel che volevano senza un sorriso, anzi dispiaciuti per finta di aver fatto un torto all’opposizione. Siamo oggi invece nella Repubblica dei buzzurri. La ragazza a Cinque stelle che sedeva accanto al Tonino (non ricordo il cognome, forse anche lei al governo) ha risposto alla reazione delle opposizioni con le dita della mano piegate per invitare tutti a levar le tende. Noblesse obblige, dopo gli insulti ai giornalisti (pennivendoli, corrotti, cani, puttane) ecco nuove oscenità nel linguaggio e comportamento parlamentare. D’altronde perché stupirsi. Trattasi di un partito nato non da un congresso, un convegno, un seminario, ma solo e proprio da un Vaffa…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.