Home » Nazionale

Solidarietà alla Bellanova

6 Settembre 2019 176 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Non ne potevamo più di veline, di belle faccine, di ragazze prestate alla politica dai talk show, dal Grande fratello e chi più ne ha più ne metta. A me fa ancora disgusto quella telefonata di Berlusconi a Nicole Minetti, la sua avvenente amica, che si conclude con quel: “La prossima volta ti porto in Parlamento”. E non fuori a cena. Come se il Parlamento non fosse la massima istituzione rappresentativa della nostra democrazia, ma un premio da officiare alla stregua di un mazzo di rose o di un gioiello. Basta anche col giovanilismo estetico alla Renzi coi suoi ragazzotti ben vestiti e ben pettinati della Leopolda. Finalmente rivediamo volti scavati dal tempo e dalla fatica come quello di Tina Anselmi o della nostra Giuliana Nenni. Plaudiamo dunque alla nuova ministra dell’Agricoltura, la pidina Teresa Bellanova, bracciante e poi sindacalista, che non aveva i soldi per studiare e per imbellettarsi ma che si é battuta in prima fila contro il caporalato nel campi del Sud. Quelli che hanno irriso verso il suo aspetto e sul suo curriculum sono solo idioti, questi sì analfabeti, nonostante la laurea…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.