Home » Nazionale

Per una grande campagna sui diritti civili

23 Aprile 2015 1.142 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

È possibile, anzi necessario, oggi riprendere un discorso interrotto nel 1981, col referendum vinto per confermare la legge sull’aborto. È doveroso a trent’anni dalla morte di Loris Fortuna che della legge sul divorzio e sull’aborto fu il padre. Il Parlamento ha appena approvato la legge sul divorzio breve. Sarà solo una meteora? Spero di no, ma dipende dai nostri, che della campagna per conquista di fondamentali diritti civili sono in fondo gli eredi.

Certo i temi economici e della sicurezza sono oggi prioritari. È evidente questo, in un momento storico in cui la ricerca del minimo vitale e la lotta contro un terrorismo che la vita la vuole infrangere impongono una sorta di primum vivere. Ma anche anche queste grandi e drammatiche questioni sono legate al tema dei diritti civili. Prendiamo proprio il tema dei diritti dei disoccupati, che debbono essere considerati prioritari rispetto a quelli degli occupati, che almeno il diritto al lavoro ce l’hanno, e alla conseguente necessità di un minimo vitale assicurato per tutti. Prendiamo il tema della condizione dei lavoratori all’interno delle aziende e alla questione della cogestione per decidere insieme, lavoratori e proprietari, i destini di tutti. Prendiamo il superiore valore della libertà e della tolleranza rispetto al fanatismo religioso. Sono temi nostri, da rilanciare.

Anche sulle questioni relative alla riforma elettorale e costituzionale ci sono diritti da difendere. Sono quelli degli elettori che devono avere la possibilità di scegliere i loro rappresentanti e le forze politiche che preferiscono. E magari, con apposito referendum propositivo da introdurre, la forma di stato e un’assemblea costituente che ne determini i contorni. Poi, più in generale, occorre rilanciare i diritti delle persone a scegliere in che condizione intendano proseguire a vivere con una legge europea sul testamento biologico, quello delle coppie di fatto eterosessuali e omosessuali che vanno messe sullo stesso identico piano, quello delle coppie sterili e della fecondazione eterologa, sulla base delle prescrizioni della Corte.

Occorre che i socialisti in Parlamento propongano, con una apposita conferenza, nuove proposte di legge su tutto questo e che tale tematica divenga cemento di una nuova più larga concentrazione di stampo liberalsocialista. Vediamo se il Pd saprà affrontare questa sfida o se si dividerà ancora, come è probabile, anche su questi temi. Vediamo se il Nuovo centrodestra saprà separare il dissenso sui temi etici dall’azione di governo, come seppe fare la vecchia Dc. Vediamo se nel Parlamento di oggi esiste o meno una maggioranza laica. Proprio come negli anni settanta quando si votavano partiti con una chiara identità e un modo unificante di concezione della vita.

Lo dobbiamo a Loris Fortuna e a Marco Pannella ai quali sono ascritte tante conquiste di libertà. Lo dobbiamo ai nostri che ci hanno seguito e continuano a seguirci con passione e disinteresse. Lo dobbiamo a una sinistra italiana che si impoverisce se non riprende la battaglia su questi temi. Lo dobbiamo a un’Italia ancora cenerentola in Europa sul tema della laicità. Lo dobbiamo alla lotta contro il terrorismo alla quale dobbiamo contrapporre non solo la nostra opposizione sul tema della difesa della vita, ma anche una visione superiore della civiltà e della libertà della persona

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.