Home » Nazionale

Giletti e il coccolone

6 Giugno 2022 174 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Quando si parla di Massimo Giletti e della sua Arena bisogna fare attenzione. Si tratta di un programma che per catturare pubblico alla domenica sera, quando il calcio generalmente imperversa, deve abbinare notizie a spettacolo. Giletti non é mai stato un giornalista politico ed é più avvezzo a commentare telenovelas. Bravissimo a tener viva l’attenzione dei telespettatori sulle feste con droga e stupri a casa Genovese mettendo in onda sfibbranti e ripetitive puntate senza fine, é in evidente difficoltà a reggere una discussione sulla guerra in Ucraina tenendo il punto. Così decide di far prevalere il clamore. E si reca prima a Kiev e poi a Mosca sulla piazza, circondato da un propagandista russo e da un’assatanata giornalista che per quaranta minuti recita a memoria il vangelo putiniano che si regge sull’assunto: “La guerra in Donbass é cominciata nel 2014. E l’intervento russo, perfino tardivo, arriva otto anni dopo”. Nessuno (lo hanno fatto poi in studio Mirta Merlino ed Emanuele Fiano) che gli chieda chi ha cominciato a sparare e a chi nel Donbass e se quella regione appartenga o meno all’Ucraina e perché Putin ha invaso l’Ucraina e non solo il Donbass. Nulla. Alla fine della scostante cerimonia a difesa del Cremlino il buon Giletti ha perso i sensi. E subito a pensare che l’abbia fatto apposta. Per dare un pizzico di peperoncino in più allo show. Forse, invece, é svenuto davvero, ma si é rianimato per farsi ritrovare armato del suo microfono subito dopo “più forte che pria”. E in verità un po’ provato. Caro Massimo, dovevi saperlo che la propaganda russa colpisce i giornalisti. E a te é andata anche bene…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.