Home » Nazionale

Cutro, per colpa di chi?

6 Marzo 2023 609 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Strano paese l’Italia in cui tutto finisce sempre sul banco dei magistrati. Così è per la gestione del Covid nei confronti della quale la procura di Bergamo ha avviato una procedura giudiziaria chiamando a risponderne Conte, Speranza, i vertici della regione Lombardia, alcuni virologi tranne Crisanti che figura consulente di quella procura. Salvini è stato recentemente assolto dopo un lungo iter dall’accusa di sequestro di persona aggravato a proposito dei migranti della nave Diciotti, adesso la Procura competente, penso quella di Catanzaro, avvierà un’indagine a proposito delle eventuali responsabilità del disastro di Cutro. Conosco bene questa località calabrese per l’immigrazione di massa con destinazione Reggio Emilia della quale é stata protagonista negli anni passati. Prima venivano da operai e poi da piccoli imprenditori che facevano salire gli altri, i parenti e gli amici, fino a desertificare il loro paese concentrandosi a migliaia migliaia nella mia città. Ma Cutro é semplice spettatrice di questo atroce evento che ha visto annegare in mare, a poche decine di metri dalla costa, 66 esseri umani tra cui 14 bambini mentre solo 88 risultano i superstiti. Di chi la colpa, chi é responsabile? Certo i trafficanti di carne umana che generalmente dalla Libia, in questo caso sfiorando la Turchia e la Grecia, si dirigono in Italia, con pescherecci, imbarcazioni di risulta, semplici canotti, facendo pagare caro il biglietto con appuntamento il periglio, il mare in turbolenza, la morte. Ma l’Italia e l’Europa non possono tirarsi indietro, visto che molti dei migranti fuggono proprio dalla guerra, dalle torture, dalle tirannie. L’articolo 10 della nostra Costituzione recita: “Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge. Non è ammessa l’estradizione dello straniero per reati politici”.  Dunque non solo chi fugge dalla guerra ma chi fugge dalla dittatura ha diritto di asilo. Ora in Africa sono davvero pochi i paesi pienamente democratici e le cause di coloro che partono dalle coste africane sono tutte impregnate dal segno della disperazione, della tortura, del sottosviluppo dovuto a sistemi medioevali, quando non segnate dal terrore dei bombardamenti. Se escludiamo Marocco, Algeria e Tunisia, neppure lontane parenti dei principi sanciti dalla nostra Costituzione, quale altra nazione africana può essere definita democratica? Davvero Salvini era lucido quando parlava di “palestrati” a proposito dei migranti ammassati come carne in scatola in un’imbarcazione improvvisata, come se coloro che sono obbligati a pagare a caro prezzo i rischi di un espatrio facessero tutto questo solo per darci fastidio? E allora perché non si allestiscono, lo ha finalmente assicurato il ministro Lollobrigida, corridoi umanitari per chi ha diritto (l’ideale sarebbe alla partenza ma in Libia é complicato), in accordo con l’Europa che poi dovrà suddividerli (importante sarebbe un vero accordo sulle quote) e poi accertare chi di loro non ha i requisiti per ottenere asilo? Il disastro di Cutro mette anche in risalto la confusione delle competenze delle diverse istituzioni a cui spetta l’azione di soccorso. Frontex, la Guardia di finanza e la Guardia costiera (gravissime mi sono sembrate le accuse della Capitaneria di porto) si sono unite in un coro di reciproche diffidenze. E il ministro Piantedosi, in commissione, ha svolto un intervento scritto col tono di uno che comunica l’orario dei treni e non che commenta un disastro umanitario, prendendosela coi migranti e non con chi non li ha salvati. Vittorio Feltri, in un eccesso di cinismo sgangherato ha twittato: “Partire é un po’ morire, state a casa vostra”. Incommentabile. Da senza testa e soprattutto senza cuore.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.