Home » Nazionale

Minniti e storditi

31 agosto 2017 103 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Mentre in Sicilia il Pd, e non è una novità, si divide tra Crocetta che non demorde e il rettore dell’Università di Palermo Fabrizio Micari che non sfonda, e ovviamente si lacera anche la sinistra, con l’Mdp che candida il solito Fava, perché non vuole Alfano in coalizione, anche se lo vota al governo, l’esecutivo di Gentiloni, Padoan, Calenda, e soprattutto Minniti, raccoglie buoni risultati. Il Pil avanza verso l’1,5 su base annua, finalmente sono stati varati i i provvedimenti relativi al reddito d’inclusione (ci torneremo), e poi balzano agli occhi di tutti gli ottimi risultati ottenuti dall’ex pretoriano di D’Alema nel campo dell’immigrazione. Ormai ogni frase di Minniti é pesata, giustificata, contestata, come quella dei leader. Dal fronte festivaliero di Pesaro il ministro Orlando si sente in dovere di chiosare e rigettare la tesi del ministro dell’Interno sul rischio di tenuta democratica del paese a fronte di un’immigrazione massiccia.

Due conti. Dall’inizio dell’anno sono arrivati in Europa 120mila immigrati, oltre 80mila sono sbarcati in Italia. Ad agosto, dopo la svolta sulle Ong (protocollo d’intesa che contempla la presenza obbligatoria di forze dell’ordine a bordo e accordo con la Libia) i migranti sono scesi appena sopra i 2mila contro gli oltre ventimila dell’agosto scorso. Nel vertice di Parigi l’Italia di Gentiloni e Minniti é stata presa a modello per un’azione più generale al fine di bloccare le frontiere dell’Europa di fatto al sud della Libia, tra Ciad e Niger (a Parigi erano presenti i ministri di questi due paesi africani oltre a quelli di Libia, Italia, Francia, Spagna e Germania). Lì si dovrebbero distinguere i profughi che meritano accoglienza in Europa e i clandestini che devono tornare nei paesi d’origine.

Superato di fatto il trattato di Dublino (secondo il quale il paese ove i migranti arrivavano doveva farsene carico) a Parigi é finalmente arrivata la svolta. “Ora bisogna investire come è stato fatto per la rotta balcanica. Bisogna che l’Europa ora faccia la sua parte”, ha dichiarato Minniti, facendo riferimento all’accordo sottoscritto tra Ue e Turchia per fermare il flusso di migranti lungo il Mar Egeo e i Balcani. Resta il problema umanitario su cui peraltro soprattutto l’Italia ha concentrato la sua attenzione. Diverse autorità internazionali, tra i quali Amnesty, mettono in guardia dai comportamenti delle autorità libiche nei campi di accoglienza dei migranti respinti e soprattutto si rivela assolutamente necessario un rigoroso controllo da parte dell’Onu, nonché un adeguato e preventivato finanziamento dei governi europei ai paesi africani, per far si che il ritorno dei migranti possa avvenire senza traumi. L’Italia ha già iniziato a finanziare attività lavorative, di assistenza e di servizio in regioni della Libia.

Se tutto questo funzionerà (è da vedere) il nuovo astro di Minniti s’alzerà splendente nel firmamento politico italiano. Crine mancante e volto rigato e vagamente mefistotelico, Minniti incute rispetto e soggezione. Il sol fatto che abbia gestito la delega ai servizi lo rende riservato e quel tanto di misterioso che in politica induce al’istintivo distacco. Il contrario del giocherellone e pirotecnico Renzi. Più funzionario ancien regime che uomo del web, Minniti sta facendo centro. Come reagirà Renzi lo vedremo. Credo che dovrà prenderne atto e tentare di consolidare la sua leadership nel partito col riconoscimento di Minniti, dopo Gentiloni, come candidato ad un esecutivo post elettorale di coalizione. Penso che tutto sommato una simile soluzione, con le decisioni assunte sull’immigrazione, potrebbe non andare male nemmeno al centro destra. Mia obiezione politica a Minniti dopo la sua dichiarazione con la quale ha sostenuto di non aver mai cambiato partito e di avere intenzione di non cambiarlo mai. In verità ne ha cambiati quattro: Pci, Pds, Ds, Pd. Ma che importa. C’era un filo politico di continuità. Mica é stato un migrante, lui…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.