« Nazionale

Vittoria sullo stato islamico

Avevo scritto, già dopo le stragi di Parigi di due anni orsono, che si doveva combattere per liberare il territorio occupato, tra Iraq e Siria, dall’Isis. Che non si poteva lasciare al terrorismo uno stato che economicamente produceva un reddito per la vendita del petrolio e dal punto di vista politico e psicologico consentiva di illuminare gli islamisti col mito della vittoria possibile. Naturalmente sul fronte pacifista, anche all’interno della nostra piccola comunità, si oppose l’idea che non é con la guerra che si risolvono i problemi, che bastava smetterla di bombardare e di sfruttare quei paesi, che l’Occidente ha fatto troppi errori e dunque, quasi quasi, in fondo ben gli sta… Read the full story »

21 ottobre 2017 No Comments 12 views

« Nazionale

Scusa Matteo, ma la coalizione qual é?

Tutto é chiaro, tranne che per la sinistra o, se preferite, il centro-sinistra. Berlusconi, da gran cerimoniere delle alleanze, ha ormai in tasca la formazione elettorale del centro-destra, se il Rosatellum, come é assai probabile, passerà al Senato. Verranno schierati tre partiti sopra lo sbarramento (Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia) più due sotto, la lista animalista della Brambilla e la lista liberale di Parisi, alla quale pare abbia aderito anche il mio amico Giovanni Negri. Queste componenti si uniranno nel maggioritario e premieranno con qualche candidatura sicura le due liste che sul proporzionale non supereranno il tre per cento, trasferendo però i voti alle liste collegate. Dall’altra parte il Movimento Cinque stelle correrà, come naturale, da solo sia sul proporzionale sia sul maggioritario. Read the full story »

21 ottobre 2017 No Comments 14 views

« Nazionale

Viscontinuità?

Che io ricordi é la prima volta che il partito di maggioranza presenta una mozione senza averla concordata col governo. Per di più, con una presa di posizione tendenzialmente contraria rispetto a quella che il governo si accingeva ad assumere. Lasciamo perdere le correzioni e le integrazioni che sono state poi pretese da Gentiloni e Padoan, e ovviamente accettate dai deputati del Pd. L’operazione é avvenuta dopo l’intervento del presidente della Repubblica. E dopo la sconcertata reazione del governo col ministro dell’Economia che, secondo le indiscrezioni giornalistiche, si sarebbe rivolto al presidente del Consiglio con un: “Paolo non ci credo. Dimmi che non é vero”. Read the full story »

21 ottobre 2017 No Comments 18 views

« Nazionale

La geografia del centro-sinistra e il Psi

Se, e sottolineo se, il Rosatellum otterrà il via libera dal Senato un vero e proprio cantiere si aprirà nel centro-sinistra, alla luce delle nuove opportunità che la legge prevede. Sulla quota proporzionale, pari a due terzi di seggi in palio, si potranno presentare liste collegate con l’ambizione di superare la soglia di sbarramento prevista al 3 per cento (nazionale per la Camera e regionale per il Senato). I voti a queste liste, anche se non raggiungeranno il 3 per cento, ma se supereranno l’1, non andranno persi e verranno spalmati sulle liste coalizzate. Sul maggioritario uninominale le liste dovranno dunque esprimere candidati che tengano presente la triplice funzione delle liste collegate sul proporzionale: quella di tentare di superare il tre, quella di fornire un utile contributo, col voto unico e trasferito, per l’elezione del candidato sull’uninominale e infine quella, eventuale, di un prestito di voti qualora la lista, non superando il tre, non ottenga alcun parlamentare sul proporzionale. Read the full story »

21 ottobre 2017 No Comments 13 views

« Nazionale

Dieci anni di Pd

Si celebra il decennale del Pd. Dieci anni di un percorso politico accidentato. Dieci anni di vittorie (poche) e di sconfitte (molte), di illusioni e delusioni, di contrasti interni, esclusioni e separazioni. L’unica cosa certa é che il partito regge, nonostante tutto, su percentuali ancora alte, tali da farne se non il partito oggi più forte, quello che ha la legittima ambizione di diventarlo. Si partì con Fassino e Rutelli, i due leader dei Diesse e della Margherita che decisero di unificarsi. Ma si passò subito la palla a Veltroni, per tentare l’impossibile sfida a Berlusconi alle elezioni anticipate del 2008, in salsa obamiana. S’inventò il partito a vocazione maggioritaria, fuoriuscendo dalla logica delle coalizioni. Veltroni e Berlusconi puntavano al passaggio dal bipolarismo al bipartitismo. Il primo apparentò solo Di Pietro, il secondo solo la Lega. Il risultato lo conosciamo. Read the full story »

16 ottobre 2017 No Comments 54 views

« Nazionale

Rosatellum nel pugnum?

Due parole sulla legge elettorale, definita Rosatellum, in realtà Mattarellum rovesciato, con un terzo di collegi uninominali maggioritari e due terzi di quota proporzionale con listini bloccati. Siamo all’emergenza, non c’é tempo per approvare la legge migliore. C’é solo il tempo per approvare una legge che sia meglio dell’attuale. Che é quel che resta dell’Italicum alla Camera e quel che resta del Porcellum al Senato. Per di più con evidenti incompatibilità (le liste alla Camera, le coalizioni al Senato, lo sbarramento al 3 alla Camera e all’8 regionale al Senato). Dunque meglio il Rosatellum che uniforma Camera e Senato, rende possibili, anzi necessarie, per l’una e per l’altro, le coalizioni, permette a una eventuale lista a sinistra e a destra del Pd di presentarsi coalizzate, permette a Forza Italia di distinguersi dalla Lega. Read the full story »

11 ottobre 2017 No Comments 62 views

« Nazionale

Chi di spada ferisce di forcone perisce

Il giovane e scapigliato Di Battista, simbolo del grillismo movimentista, ne ha combinata un’altra delle sue. Dopo avere sbagliato citazioni storiche ha sbagliato folla e davanti a Montecitorio si é messo ad arringare un gruppo di forconi scambiandoli per grillini. Costoro, esterefatti, lo hanno letteralmente mandato a vaffa… linguaggio che il Dibba conosce bene. Compreso l’errore, il malcapitato é fuggito in camicia scavalcando le transenne coi forconi del generale Pappalardo (già deputato Psdi nella prima Repubblica) che gli urlavano ladro. Scena da incorniciare col detto: “Chi di spada ferisce, di forcone perisce”…

11 ottobre 2017 No Comments 77 views