« Reggio Emilia

Passeggiando per la città (prima puntata). Da Il Resto del Carlino. Da porta San Pietro a piazza del Monte

La città è il nostro secondo salotto. Per me, che amo vivere più la città che la casa, é forse il primo. Vorrei che fosse ben chiaro che quel che vediamo (la filosofia empirista rilevava che quel che osserviamo mentre ci aggiriamo per la città non sono persone, ma impermeabili, cappelli e scarpe) son solo facciate, strade, portici. E questi dovrebbero essere tenuti in modo accurato. Read the full story »

15 Gennaio 2019 No Comments 112 views

« Nazionale

Il caso Battisti tra giustizia e ossessioni

Quando il padre lo volle chiamare Cesare aveva probabilmente nella memoria quel Cesare Battisti, eroe nazionale e socialista trentino, che combatté nella prima guerra mondiale, fu fatto prigioniero e impiccato al Castello del Buonconsiglio dagli austriaci. Eppure il figlio maturò ben altri ideali e si convinse, nei turbinosi anni settanta, della necessità della lotta armata, entrò in un’organizzazione terroristica vagamente dipinta di rosso che si macchiò di orribili omicidi. Il giovane Cesare fu condannato all’ergastolo per partecipazione diretta a due omicidi e per concorso negli altri due e riuscì a fuggire all’estero dopo una prima condanna a 12 anni per banda armata, contrariamente a molti suoi compagni che espiarono la pena con anni di dura galera in Italia. La sua fuga dalle responsabilità fu un atto meschino, al pari di altri (molti sono ancora latitanti all’estero), che non diede risposta al bisogno di giustizia che promanava soprattutto dalle famiglie delle vittime, e in particolare da quel ragazzo che per causa sua perse il padre e rimase condannato alla sedia a rotelle a vita. Read the full story »

14 Gennaio 2019 No Comments 33 views

« Nazionale

Mentre la nave affonda il Pd suona il piffero

Mettetela come volete, ma questo governo arriverà alle europee, poi sarà resa dei conti. In Europa le collocazioni dei due partiti di governo appaiono antitetiche: a destra Salvini e né coi popolari né coi socialisti Di Maio. Trattandosi di una coalizione, anzi di un patto avvenuto attraverso un contratto, questo potrebbe non essere un gran problema, sennonché l’incipiente campagna elettorale europea, la più importante della storia per le conseguenze politiche che determinerà e che incideranno profondamente sul futuro dell’Unione, porterà inevitabilmente a evidenziare le profonde differenze tra i due partiti di governo. Read the full story »

12 Gennaio 2019 No Comments 53 views

« Nazionale

Faber, vent’anni dopo

Ricordo Fabrizio. Sono passati vent’anni dalla sua scomparsa ma le sue canzoni, anzi le sue poesie musicali che hanno sedotto la mia generazione, sono più vive che mai e non c’è ormai nessuno, dagli anziani ai più giovani, che ascoltandole non se ne senta partecipe. Ero poco più che un bambino quando mio padre portò a casa un suo disco dove per la prima volta si parlava di una puttana. Era “Il testamento”, versione italiana della canzone di George Brassens. Era il 1963. Lo nascose perché doveva farlo ascoltare solo ad alcuni amici e non a me. Io lo scovai e ascoltai anche il pezzo che stava dietro, “La ballata del Michè”, e me ne innamorai. Parlava di un suicida a cui i preti non avevano voluto regalare una messa, comportandosi senza sentimenti di pietà. Read the full story »

12 Gennaio 2019 No Comments 53 views

« Nazionale

Sbanca il governo

Da ridere o da piangere? Bene ha fatto il governo a salvare la Carige come bene han fatto Renzi e Gentiloni a salvare altre banche. Ma siamo impazziti? Mica si salvano i banchieri. Si salvano i risparmiatori. Se una banca fallisce chi ci rimette? La Germania, gli Stati Uniti, la Spagna, tutto il mondo é impegnato a salvare le proprie banche. L’Italia dovrebbe farle chiudere? Quello che stona è il commento di Di Maio che distingue tra il salvataggio di oggi e quello di ieri, avvenuti nello stesso modo e con le stesse leggi. L’ex ministro Padoan ha sottolineato che il nuovo decreto salva-Carige usa gli stessi strumenti del vecchio, il salva-risparmio del governo Gentiloni. Read the full story »

11 Gennaio 2019 No Comments 157 views

« Nazionale

L’attacco mondiale alla democrazia

Dichiareremo guerra alla Francia? E magari anche alla perfida Albione? Chi lo sa. Non sarebbe la prima volta anche se quell’altra ci andò male, ma la previsione di sedere al banchetto dei vincitori non si avverò. Oggi non siamo nel giugno del 1940 e le dichiarazioni di aperta ostilità alla Francia unite al sostegno della rivolta, anche attraverso la piattaforma Rousseau del clan Casaleggio, oggi tutt’altro che pacifica, dei gillet giaunes, é un atto di ostilità e di insubordinazione al rispetto delle autonomie nazionali senza precedenti. Bisogna tornare appunto alla fase pre bellica o alle relazioni tra stati occidentali e orientali prima della caduta del muro di Berlino, peraltro sviluppate più attraverso iniziative sotterranee e di partito, magari da incursioni di servizi, che non apertamente gestite da istituzioni nazionali.

Read the full story »

8 Gennaio 2019 No Comments 70 views

« Nazionale

L’epurator a Cinque stelle

Questo Freccero, passato da Berlusconeide alla Rai, dopo essere stato berlusconiano e aver votato in seguito per la lista di Ingroia e per il Pd, scopertosi amico dei Cinque stelle e dichiarando di averli votati nelle elezioni locali del 2005, divenuto anche per questo consigliere di Mammona a nome dei grillini, adesso é passato al nuovo ruolo di epurator. Sue vittime i comici Luca e Paolo, che da poco avevano iniziato un programma satirico su Rai due. La loro gag sul ministro Toninelli, tutta da vedere, con i due che si trasformano in tre e diventano con lo stesso volto i Trininelli, é stata giudicata irriverente proprio da chi in passato aveva bruscamente protestato per gli editti bulgari e per le censure a sue trasmissioni provocatorie. Se fosse vietato far satira a tutti i partiti per i quali il nostro ha votato e per i quali ha anche brillantemente lavorato allora la satira in Italia sarebbe vietata più o meno come in Ungheria del suo amico Orban. Ah no, che errore. Freccero é solo alleato di un partito che adora l’illiberale Orban. A meno che nei suoi precedenti non si trovi tra le altre anche una sua dichiarazione di voto a favore della Lega…

7 Gennaio 2019 No Comments 68 views