Home » Nazionale

Ecatombe

19 aprile 2015 913 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Un nuovo barcone affondato al largo della Libia e si parla addirittura di settecento morti. Sarebbe la peggiore tragedia accaduta nel mediterraneo. Non si può continuare a rimanere inermi. Prendiamo atto che la Commissione europea si è detta “molto dispiaciuta” per l’accaduto, che Hollande ha speso parole sulla necessità di rafforzare Triton, l’operazione che ha sostituito quella di Mare Nostrum, senza peraltro mostrare alcuna efficacia, e che la nostra Mogherini ha assicurato che al vertice dei ministri degli Esteri, convocato per domani a Lussemburgo, se ne parlerà.

Ma di cosa si deve ancora parlare se non si è capito o si fa finta di non capire? È evidente che un mare di persone, forse milioni, molti milioni, si riverserà da noi se continueranno le guerre e le loro inevitabili conseguenze umanitarie. O l’Occidente si mette in testa che deve intervenire per sconfiggere il terrorismo islamico con un’azione di terra che liberi i territori libici e riporti pace in Siria e in Afghanistan, o i profughi sono destinati inevitabilmente a salire. Chi può permettersi di voltarsi dall’altra parte rispetto a chi vuole fuggire dalla morte? E anche chi fugge da altri paesi che non sono in guerra, una volta arrivato sulle coste delle Libia, non può certo essere fermato, se quei territori sono in mano a bande locali, per di più legate al terrorismo, finanziato anche grazie al grafico di esseri umani.

Noi continuiamo a parlare e Renzi torna dal viaggio americano sostanzialmente a mani vuote. Obama gli ha confermato che l’Isis e l’immigrazione sono affari dell’Europa e che la nuova politica americana è quella del disimpegno. Altro che imperialisti e gendarmi del mondo. Svegliamoci. È il momento dell’Europa e della NATO. O riusciamo a capire che servono decisioni immediate sia riguardo all’intervento miliare sia riguardo al conseguente pattugliamento di coste o fra un po’ saremo costretti a vivere altri lutti in quel cimitero di vite che è diventato il mare Nostrum e contare a milioni i sopravvissuti che vengano da noi. Inutile versare lacrime di coccodrillo. Tutto questo è chiaro e non lo è solo per chi fa finta di non accorgersi della realtà perché non gli fa comodo.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.