Home » Nazionale

Alta tensione

21 febbraio 2018 225 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Un militante di Forza Nuova aggredito e bastonato a sangue a Palermo, un altro di Potere al Popolo accoltellato mentre affiggeva manifesti in provincia di Perugia, svastiche naziste che lordano la lapide in ricordo di Aldo Moro a Roma, con la scritta “a morte le guardie”, e militanti di Forza Nuova che irrompono nella trasmissione di Floris Di Martedì. Il tutto dopo la sparatoria razzista di Macerata e le violenze degli estremisti di sinistra a Piacenza, Bologna, altrove. Viene in mente la vecchia e contrastata teoria del doppio estremismo degli anni settanta. Quanta ragione vi era in quell’assunto che doveva però conciliarsi con le gravi responsabilità dei cosiddetti servizi segreti deviati e degli appoggi stranieri nella strategia della tensione di un’Italia terra di confine tra Ovest ed Est e in faccia ai paesi arabi e a Israele.

Non siamo a quel punto. Non siamo al ritorno di una guerra contro lo stato che ha seminato l’Italia di omicidi e di stragi da piazza Fontana agli anni ottanta. Non siamo nel mezzo di una guerra fredda consumata col caldo di molto sangue versato, tra Usa e Urss. Però rischiamo in forme nuove un pericoloso revival che potrebbe segnare, soprattutto in questi ultimi giorni di campagna elettorale, la degenerazione del confronto politico. Di nuovo c’é la possibilità di incursioni informatiche, denunciate dall’apposito servizio italiano. Detto che l’Italia, col suo sistema di voto manuale, è al riparo da hackeraggi rimane il rischio delle cyber campagne. Ed è questo il vero punto su cui gli 007 italiani si sono focalizzati. Anche perché quanto successo alle recenti elezioni americane, vinte da Donald Trump, è un precedente troppo significativo per essere ignorato. L’attacco cyber criminale non riguarda il voto in sé (i sistemi di voto elettronico statunitensi, a quanto pare, hanno retto l’urto di potenziali attacchi), ma il periodo precedente al voto. L’esempio più concreto si verificò con l’hackeraggio della mail di Hillary Clinton e la successiva pubblicazione di leak scottanti che avrebbero penalizzato fortemente la candidata democratica nella corsa alla Casa Bianca.

Ma i servizi mettono in guardia anche da possibili attentati di matrice islamista che finora hanno tenuto al riparo (anche per l’abilità dei nostri servizi di sicurezza) il nostro paese. Mentre infuria il conflitto in Siria, dove di guerre se ne contano sei secondo il conto di Franco Venturini che le descrive nel suo documentato articolo sul Corriere (di Assad contro i suoi oppositori, di Erdogan contro i curdi, della Turchia contro gli Usa, di Iran contro Assad, di Putin contro gli Usa, di Israele contro l’Iran), l’Italia risulta il solo pease mediterraneo finora esentato da attacchi stragisti. L’allarme é massimo dunque. Se tutto questo é vero pare davvero meschino il confronto politico che si sta svolgendo di fronte a un elettorato impreparato e disorientato. Tagli promessi, soldi a tutti, dai bimbi agli anziani, migranti da gettare a mare e tanta felicità per tutti. Ho netta la sensazione che la classe politica italiana rischi di suonare petulanti cantilene sul bordo del Titanic. Occorrerebbe una grande sforzo di responsabilità collettiva che ho trovato finora solo nelle parole di Romano Prodi e di Paolo Gentiloni. L’Italia sia consapevole del momento che sta vivendo, dei rischi e dei problemi immensi che le stanno davanti. Servirebbe un temerario spunto di natura churchiliana.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.