Home » Nazionale

Silvio, Giorgia e “quel signore”

28 Febbraio 2023 177 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Giorgia Meloni in visita a Kiev aveva due possibilità nell’incontro con Zelensky, alla luce delle sue affermazioni su Berlusconi (“Non conosce la guerra… se un carrarmato invadesse casa sua”, ecc.ecc). O far finta di niente e parlare di una maggioranza che ha sempre approvato la politica di solidarietà all’Ucraina e l’invio degli aiuti militari o prendere le difese di Berlusconi come aveva suggerito iieri sera su Retequoattro l’attuale direttore de L’Unità (ma è già uscita e qualcuno se n’è accorto?). Solo che Berlusconi aveva detto testualmente che lei non doveva stringere la mano “a quel signore”, che costui avrebbe dovuto smettere di bombardare il Don bass e tutto questo non sarebbe mai iniziato e che bastava assicurare all’Ucraina un piano Marshall di 8,9 mila miliardi per la ricostruzione e quel signore avrebbe smesso di sparare. Cioè avrebbe dovuto, la povera Giorgia, capovolgere la posizione italiana, rompere con l’Europa e con la Nato e sostanzialmente sposare le posizioni di Putin che proprio ieri a Mosca ha proprio affermato che la Russia sta combattendo per difendere i propri confini a ovest. Sta di fatto che ieri Putin ha aperto un altro potenziale focolaio di guerra. La Transnistria non farebbe più parte della Moldavia. Esattamente come il Donbass e la Crimea dell’Ucraina. E mentre è ancora in corso il conflitto con Kiev “questo signore” ne progetta un altro dopo quelli in Cecenia e in Georgia. D’altronde che la manifestazione di ieri a Mosca si sia svolta all’insegna della lotta all’Occidente malato e peccatore (rinfocolate le aberranti accuse di Kirill contro l’omosessualità e le unioni civili) é un’ulteriore prova che l’invasione dell’Ucraina non è che una delle mosse del governo russo e non sarà l’ultima come conferma il rimpianto di Putin ad un tempo per l’URSS e per l’impero russo di Pietro il grande. La Cina, che ha confermato di aver compilato in piano di pace in 12 proposte, ha contemporaneamente dichiarato che il rapporto con Mosca è solido. Difficile ritenere che il suo piano possa far presa nelle maglie della resistenza ucraina e del suo governo. Berlusconi che ad un tempo non stringerebbe mai la mani a “quel signore” e continua a votare (il suo partito esprime anche il ministero degli Esteri) l’invio delle armi allo stesso signore, brucia dal desiderio di mandare tutto all’aria. Ma non può. I suoi lo tengono a freno e non gli permettono neppure di rispondere alle accuse di Zelensky. Il cavaliere per il momento tace e la Meloni e Tajani tirano un sospiro di sollevò. Almeno fino alla prossima intervista.

a

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.