Home » Nazionale

Lo sciopero contro la morte

16 Aprile 2024 319 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Se lo sciopero generale di quattro ore dichiarato dal tandem Landini-Bombardieri, e al quale non ha aderito la Cisl, é stato organizzato contro la precarietà dei subappalti, contro l’insicurezza del lavoro, contro i troppi morti che si susseguono in varie parti d’Italia, é completamente giustificato. E se lo sciopero vuole essere una mobilitazione per sollecitare governo e parlamento ad approvare leggi in materia di sicurezza sul lavoro anche. Non ho ben capito però, visto che tale mobilitazione é stata promossa all’indomani della tragedia della diga di Bargi sul lago di Suviana, a cavallo dell’Appennino emiliano e di quello toscano, se Cgil e Uil intendano mettere sullo stesso piano le responsabilità accertate della strage di Brandizzo (Torino) in cui sono stati travolti e uccisi cinque operai che lavoravano di notte sulle rotaie tra un treno e un altro, e quelle del drammatico incidente avvenuto nella provincia di Bologna. A Brandizzo é accertato che i cinque operai lavorassero una situazione di pericolo (il capo cantiere, salvatosi per un pelo, ha sommessamente ricordato di aver pronunciato questa frase: “Se vedete il treno buttatevi”. Giusto che la Procura di Torino abbia imputato Rfi e la ditta Sigifer. Le responsabilità  paiono evidenti e accertare anche se il procedimento giudiziario non si é completato. Su Bargi sono stati recuperati ieri altri tre cadaveri che mancavano e portano a sette le vittime (si tratta del numero di morti più alto dalla tragedia della Tyssen). Non si capisce cosa sia avvenuto, non pare ci sia stato alcun subappalto e i sette erano o ingegneri o specialisti di ditte altamente qualificate. L’amministratore delegato di Enel Bernabei ha dichiarato che i lavori non erano “per riparare deficit di sicurezza o per far fronte a emergenze. Erano ampiamente pianificati”. E ha rivelato: “Successivamente, a dicembre del 2022 abbiamo fatto, in presenza dei rappresentanti sindacali come prevede la legge, una riunione su sicurezza, salute e ambiente relativa alle centrali idroelettriche di questa area d’Italia. La riunione si è conclusa con 11 pagine di verbale e in quel verbale il rappresentante sicurezza e ambiente della Uil si congratula e si dichiara soddisfatto del livello di attenzione dell’unità produttiva sulle tematiche relative alla sicurezza”. Invito la Uil a smentire Bernabei o a sconfessare questo suo rappresentante. Ma c’é di più. Landini ieri ha ricordato l’esistenza di un documento che avvertiva il pericolo. Perché non si é fatto nulla, allora, anche da parte sindacale? E perché, allora, se si denunciava un pericolo di tale natura non si sono fermati i lavori? Sono molte le domande da fare. Ma mi pare che abbia ragione il bolognese Pierferdinando Casini, ieri a Bargi, che ha sottolineato la necessità, per capire e poi per agire, di non far di tutte le erbe un fascio e, aggiungo io, che la distinzione é necessaria per procedere su singoli e troppo numerosi casi di incidenti sul lavoro per arrivare alle responsabilità. Questo dal punto di vista giudiziario, ma anche politico e sindacale. L’unica cosa che tutte li accomuna é la tragedia per la morte. Ma si può fare uni scopero, generico, contro la morte?

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.