Home » Nazionale

Il green pass

21 Luglio 2021 135 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Francamente mi risultano incomprensibili le opposizioni all’uso del green pass nei luoghi pubblici e affollati. I dati forniti ieri dall’Istituto superiore di sanità sugli ultimi trenta giorni di epidemia sono chiarissimi e dimostrano come i vaccinati con le due dosi, che oggi superano la metà degli italiani, sono stati protetti dall’ingresso nelle terapie intensivi nel 97,3% dei casi e dalla morte del 95,7%, ma non tenendo conto di altri morbi concomitanti. Dunque i no vax sono solennemente smentiti. Costoro si dividono in due categorie: quelli che ritengono che i vaccini siano inutili, perché sarebbero solo sieri sperimentali inoculati sulla nostra pelle, e quelli che addirittura sostengono che i vaccini siano la causa di malattie gravissime e addirittura delle stesse varianti con le quali sta combattendo tutta l’umanità. Il valore scientifico di queste credenze é più o meno pari a quello delle streghe che leggono la mano o degli interpreti del volere degli astri o dei vaticini delle sacerdotesse greche. Cioè scientificamente meno di zero. Che poi costoro, che hanno avuto come tutti la possibilità di vaccinarsi e non l’hanno fatto, si mettano a sbraitare in nome della libertà contro il nuovo lasciapassare lascia sbigottiti. In nome di quale libertà parlano? Ha spiegato bene il presidente emerito della Corte costituzionale Giovanni Maria Flick oggi sul Corriere il significato dell’articolo 16 della nostra Costituzione che sostiene la piena libertà di movimento tranne per emergenze sanitarie o relative alla sicurezza. Il che appare anche ai più strenui liberali, come chi scrive, assolutamente scontato. La libertà non può essere quella di infettare il prossimo e chi ha avuto il green pass non può avere gli stessi diritti di movimento di chi ha scelto di non essere vaccinato. Tutto questo mi é chiaro e penso che questo esuli dal numero dei contagi o dal numero dei morti. Mi pare saggio che nel valutare i colori delle varie regioni si tenga presente non più il numero dei contagi che significa poco o niente, ma la percentuale di riempimento degli ospedali e soprattutto delle terapie intensive. Oltre ai no vax si sono presentati ieri per bocca di Salvini i quasi no vax. Il leader della Lega, che non e medico né scienziato, ha stabilito che i vaccini fanno bene agli anziani, cosi cosi alle persone di mezza età, mentre giovani e bambini possono farne a meno. In base a quale criterio scientifico non é dato sapere. Pare per ragioni elettorali. Mi viene spontaneo sostenere che un solo morto non vale un successo elettorale. Mi restano però alcuni punti interrogativi. Primo. Se inseriamo il passaporto vaccinale come condizione per salire sugli autobus urbani avremo ovviamente un aumento del trasporto privato. E questo contribuirà a creare più inquinamento e sappiamo che l’inquinamento genera malattie anche mortali. Dunque? Secondo. Coloro che non sono ancora vaccinati non per scelta ma o per età, i bambini, o perché la loro predisposizione non glielo consente, che fine faranno? Non andranno più a scuola o al lavoro se non con mezzi privati? Terzo, i controlli. Lasciamo perdere i treni e gli aerei, ma chi controllerà, se il green pass verrà imposto anche ai ristoranti, che tutti i clienti ne siano forniti. Ci saranno poliziotti che gireranno tra i tavoli mentre la gente sta mangiando un piatto di spaghetti per pretendere un documento? E cosi nei bar? Situazione diversa é quella dei cinema, dei teatri, degli stadi e dei palazzi dello sport. Ma anche qui, che senso ha fissare un limite di riempimento se solo i vaccinati possono essere ammessi?  Si pretende il green pass e anche il distanziamento? E allora qual’é la differenza tra un vaccinato e un non vaccinato? La Gran Bretagna ha deciso di infischiarsene del Covid e delle sue varianti e da lunedì é tornata alla piena normalità, accentuando il numero delle vaccinazioni. Johnson ha preso atto che il rapporto tra contagi e morti é diventato ormai simile a quello dell’influenza. Anche in Italia, che conta, per adesso, molti meno contagi, il numero di morti é simile ormai a quello di un’epidemia influenzale. Tutto questo però grazie ai vaccini. Vedremo chi avrà avuto ragione. Certo vorrei vedere la faccia dei no vax quando tutto sarà rientrato nella normalità. Vuoi vedere che si appelleranno al volere del fato?

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.