Home » Nazionale

Franceschini? Ma neanche San Francesco riuscirebbe a resuscitare il Pd

21 Febbraio 2009 651 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Quel che mi ha stupito di più di questa assemblea generale del Pd è che nessuno, soprattutto fra i giovani, ha parlato di politica. Il lessico usato verteva su questa abusata terminologia: primarie, congresso, rinnovamento, nuovo dialogo con la società, rilancio del progetto e via dicendo. Allora mi son venute spontanee queste domande. Ma se il problema era solo di metodo è stata tutta colpa di Veltroni? E se queste esigenze di trasparenza, di collegialità, di confronto attivo, di coinvolgimento e chi più ne ha più ne metta, non sono state prima soddisfatte, la colpa è solo di Veltroni, e con lui magari di D’Alema, di Rutelli, di Bersani? E Franceschini, che era il vice di Veltroni, di colpe non ne ha manco una? Nessuno che abbia avuto il coraggio di dire quel che poi un pò tutti pensano. E che cioè il Pd è in crisi perchè il progetto era sbagliato, perchè non si possono incollare due partiti in uno senza un minino comun denominatore (certo non la collocazione europea e la laicità dello Stato, per citarne due non a caso) che non sia la sconfitta di Berlusconi. Perchè una volta che Berlusconi vince, allora non resta più niente ad unire. Prima comprendono questa elementare verità i pidini e meglio sarà per loro e per la sinistra italiana. Che non ha bisogno di maggior coinvolgimento, di più primarie, di rinnovare i suoi quadri (qualcuno mi spieghi perchè Berlusconi, che non si è rinnovato mai, continua a vincere). Magari la sinistra riformista italiana ha proprio bisogno di superare l’impasse nella quale si è venuta a trovare dopo la nascita di un Pd che da un lato si è proposto come forza a vocazione maggioritaria (e adesso deve rassegnarsi alla sua minorità sempre crescente) e dall’altro apparenta il suo vampiro Di Pietro consetendogli di divenire oggi il principale beneficiario dei suoi salassi. Questi sarebbero i temi da affrontare, mica tutte quelle cosette che da troppi anni sento dire e che gerenalmente significano che qualcuno, un pò più giovane, deve prendere il posto di qualcun altro, un pò più anziano. Per poi doverlo magari rimpiangere, come oggi è diventato purtroppo assai frequente, visto che la politica è fatta di competenza e non di improvvisazioni.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.