Home » Reggio Emilia

Elettoralia: ovvero cose di pseudopolitica reggiana

28 Maggio 2009 607 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Il sindaco di Roma Gianni Alemanno ne combina un’altra buona. Viene a Reggio e la definisce la Stalingardo d’Italia, augurandosi di espugnarla. Dimentica che Stalingardo non è mai stata espugnata. Anzi, dal disastro combinato dai tedeschi a Stalingrado, prese il via la loro disfatta. Non poteva trovare altro paragone, magari un pò meno tragico per Filippi e i suoi? Berlusconi, nell’intervista rilasciata a Mazzoni, direttore de L’Informazione, dichiara che non ha mai conosciuto Antonella Spaggiari e che col caso Reggio non c’entra per niente. E’ come dire che Bonfo conta assai poco e non ha rapporti con lui o che l’Anto non è davvero nei suoi pensieri (di Bonfo). Baldi annuncia una Reggio per i giovani e presenta al primo posto il bravo e simpatico Alberto Lasagni che veniva a scuola con me.  Di Pietro vuole andare in Europa col suo movimento, l’Italia del valori, che però esiste solo in Italia. Motti sostiene d’essere il volto nuovo della politica. E c’è da dargli ragione. Ma ormai la sua faccia è diventata vecchia a forza di farla vedere dappertutto. Compreso sui tram. Meno male che Franceschini ha chiesto scusa ai figli del presidente del Consiglio. Aveva davvero fatto un capolavoro. E cioè riunito tutta la famiglia Berlusconi…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.