Home » Reggio Emilia

Ririripacta sunt serbandissima…

5 luglio 2009 853 views One CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Si fa un gran parlare, anche a Reggio, di rinnovamento, di vecchia e nuova politica, di coerenza nelle collocazioni, di accordi da rispettare o meno. Riepiloghiamo e forniamo un vademecum difficilmente contestabile del significato di questi termini. Il rinnovamento in politica significa cambiamento delle classi dirigenti, e il dato anagrafico può essere solo uno degli elementi richiesti. Bersani ha la mia età e si presenta come rinnovatore, senza essere contestato per questo, Chiamparino, che ha tre anni più di me, è stato addirittura speso come rinnovatore ancor più efficace, mentre Berlusconi, che di anni in più ne ha quindici, è stato concepito in questi anni come uomo nuovo della politica e Napolitano, che di anni più di me ne ha addirittura quasi trenta, è visto come un rinnovatore, quasi alla pari di Pertini, che più di me di anni ne aveva sessanta. E oggi Veltroni e Casini, che hanno circa la mia età, come sono, o come sono stati vissuti, mentre a Reggio Castagnetti di anni ne ha sei in più di me e Giovanelli era mio compagno di scuola e nessuno ha mai avanzato obiezioni su di loro. Veniamo, poi, alla vecchia politica. Difficile sostenere che la nuova sia migliore ed è dunque fuorviante imputare a qualcuno un merito, e cioè quello di essere appartenuto alla fase migliore della nostra democrazia, acquisendone anche le benemerenze. Perchè nel giudizio non si inserisce anche un dato che vedo ormai ovunque richiesto e cioè quello del merito. Cioè delle capacità e della cultura del singolo. Forse D’Alema ha ragione. L’antipolitica, concepita alla stregua di una nuova estetica, in fondo quella stessa di Berlusconi, ha ormai pervaso anche larga parte dei valori della sinistra. Avere cambiato collocazioni? Davvero originale come annotazione. Perchè non accusare anche Follini, ex vice presidente del governo Berlusconi e oggi senatore Pd, e Buttiglione, prima alleato degli uni, poi degli altri e adesso di nessuno dei due, o lo stesso Casini, fondatore della Casa delle libertà e oggi principale oggetto dei desideri del Pd? D’altronde se chi è oggi minoranza si rifuta di accogliere chi fino a ieri non stava dalla stessa parte, si autocondanna a rimanere minoranza a vita, no? Chi avrebbe potuto restare dov’era, mantenendo i suoi incarichi prestigiosi, e ha preferito invece aderire alla Costituente socialista, e dunque al centro sinistra, adesso dovrebbe anche subire processi da quegli stessi che ha scelto come alleati? Gli accordi? Merito della vecchia politica non averli mai messi in discussione. Soprattutto quando non partono da richieste, ma da proposte altrui. Quando poi queste vengono ribadite dieci volte, si ha davvero netta l’impressione che se “pacta sunt serbanda”, allora “ririripacta sunt serbandissima”. E il resto è solo aria mestata.

One Comment »

  • fabio ruta said:

    La vera novità sarebbe l’elezione di Ignazio Marino (sostenuto anche da Beppino Englaro) a segretario del Partito Democratico. Ha detto cose precise e condivisibili sulla laicità, non è un burocrate, non è un politico con il navigatore satellitare delle convenienze strategiche. Parla di merito, diritti, solidarietà. Se il PD entra a fare parte del gruppo europeo della “alleanza tra socialisti e democratici” ed elegge un segretario come Marino a mio avviso il PS dovrebbe confluirvi: magari cercando di ricostruire in quel contesto, insieme ai radicali, un’area “rosanelpugno”. Certo con segretario Franceschini (sostenuto anche dai teodem) sarebbe tutt’altro che agibile il terreno del Partito Democratico per i socialisti, i riformisti, i laici. Vedremo come vanno a finire le cose.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.