Home » Reggio Emilia

I tre dell’Osservatorio al Giglio: “Stadio modello, progetto perfetto”

2 dicembre 2009 854 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Avrei voluto vederle quelle facce, visto che ero a Roma quest’oggi. Avrei voluto vederle, quando i tre dell’Osservatorio invitati a Reggio a dissolvere i dubbi di qualche autorevole membro della Commissione di vigilanza reggiana, hanno affermato che il progetto di Glauco Zambelli, per riaprire i distinti del Giglio, è perfetto, che il Giglio è l’unico stadio effettivamente a norma e che neanche l’Olimpico lo è. Che musi appartemente soddisfatti. Dico “apparentemente” perchè, caso strano in Italia, il nostro stadio è da tutti considerato quello più  norma (oltre tutto polifunzionale come quelli che ancora devono essere costruiti sulla base della legge recentemente appprovata al Senato) e il ministro Maroni l’ha recentemente citato su La Gazzetta dello sport come lo stadio ideale, mentre a Reggio il nostro impianto viene tenuto separato, con un muro che è crollato anche a Berlino, ma lì ancora no, tra la parte commerciale e quella sportiva. E se il Comune sottopone un progetto con tanto di tornelli e prefiltraggi, qualcuno arriccia il naso. E’ proprio il caso di dire: “Nemo propheta in patria”. Che tradotto in italiano significa: ma per sapere che siamo i migliori avevamo proprio bisogno di sentircelo dire dai tre venuti da Roma?

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.