Home » Nazionale

Morgan non deve andare al Festival, perchè non è un musicista non perchè si droga

8 febbraio 2010 654 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Chet Baker, Charly Parker, Stan Getz sono muse del jazz, terribilmente tossicodipendenti. Chet Baker venne arrestato più volte e morì gettandosi da una camera d’albergo di Amsterdam. A qualcuno sarebbe mai venuto in mente di non chiamarli a un festival di Sanremo? Non diciamo eresie. Picasso faceva uso di droghe, come i nostri Franco Angeli e Mario Schifano, mentre la pazzia sovrastava l’arte di Van Gogh e del nostro Ligabue, che viveva nelle puzze e nella fradicia umidità della stamberghe del Po. Il più grande tra i grandi, Caravaggio, era addirittura un assassino. Cos’è questa nuova smania di attribuire una morale all’arte? Nell’Unione sovietica era vietato il jazz, come durante il fascismo in Italia e il realismo doveva dominare la pittura. Bisognava disegnare operai e contadini felici sotto il sol dell’avvenire. L’artista non deve essere un esempio per nessuno se non per quello che esprime artisticamente (vogliamo ricordare la vita di Wagner e delle sue amanti che lo mantenevano?). Non deve proporre una morale. Dunque è ridicolo escludere un artista da un festival perchè confessa di fare uso di droghe. Morgan non deve andare al festival semplicemente perchè è un musicista mediocre. Anzi, non è neanche un musicista.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.