Home » Nazionale

La lezione di Martelli

30 Aprile 2011 1.063 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Quella di Claudio Martelli di venerdì sera al Pertini di Cavriago non è stata una relazione, ma una vera e propria lezione in materia di immigrazione. Centro-sinistra, se tu fossi sveglio, allora penseresti subito a Martelli come futuro ministro dell’immigrazione. Invece magari metteranno Donadi… Presentato dall’on. Giuseppe Amadei, presidente del Centro Prampolini e preceduto da una bella riflessione della presidente della Legacoop di Reggio Emilia Simona Caselli, Martelli ha iniziato distinguendo tra immigrazione, (che può essere regolare o clandestina) e disperazione, quella che ha spinto in questi giorni migliaia di profughi dall’Africa all’Italia e all’Europa. “A questo ultimi”, ha rilevato Martelli, ” bisogna guardare con affetto e solidarietà. E’ l’articolo 10 della Costituzione che oltretutto ci obbliga a farlo. Gli immigrati clandestini vanno invece rimpatriati, ma educatamente e senza arroganza.  La Lega specula sull’immigrazione. Hanno urlato al lupo ma inItalia di profughi ne sono arrivati solo 25 mila, non centinaia di migliaia. E 25mila arrivarono in un botto dall’Albania a Bari e Lecce negli anni novanta. Certo se il governo si accorge in ritardo che diecimila si concentrano tutti nell’isola di Lampedusa questo è segno di incapacità di prevedere e di intervenire per tempo. L’immigrazione che ci riguarda non è solo quella africana che è la minore, ma quella che proviene dall’Asia, dall’Est e dall’America latina che è la maggiore. Siamo socialisti e siamo per la cittadinanza a chi è nato nel nostro territorio e non ne facciamo una questione di sangue, di razza, di religione, di provenienza. Siamo per lo “ius loci”, non per lo “ius sanguinis”. E infine dobbiamo sostenere e aiutare in tutti i modi i popoli del Nord Africa che vogliono la democrazia. L’Occidente non ha saputo prevedere che le nuove generazioni insorgessero, unite al resto del mondo attraverso Internet, per affermare i loro diritti di libertà. Non è stato un errore il trattato con la Libia, è stato un grave errore firmarlo con Gheddafi. Non si può trattare coi dittatori. E questo errore l’hanno compiuto tutti: da Berlusconi a Prodi e prima a Craxie a Andreotti. E’ anche miope, perchè, prima o poi i dittatori cadono”.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.