Home » Nazionale, Reggio Emilia

Ciao per sempre Martiradonna, vecchia gloria granata

20 novembre 2011 1.466 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Arrivarono, nell’estate del 1960, un nugolo di giovani sconosciuti che solo la band Del Grosso poteva scoprire. C’erano Calvani, Sardei, Volpi, Greatti e appunto Martiradonna, un terzino arcigno e generoso, mentre Calvani era più classico e fluidificante. Martiradonna giocò titolare in quella magica stagione del 1960-61, nella quale solo la penultima di Alessandria ci tolse la meritata soddisfazione della serie A. C’erano oltre 3mila reggiani al Moccagatta quella volta coi pullman organizzati dal bar Perli e dal bar Roma che i tifosi potevano prenotare gratis se avevano comprato il biglietto dello stadio. Perdemmo per 2 a 1 e Sardei sbagliò un calcio di rigore. E i reggiani si convinsero che Visconti, Lari e Degola in A non volessero andare. Niente di più falso. Martiradonna giocò prima da terzino destro poi da centromediano, perchè a novembre venne acquistato dall’Atalanta l’esperto Gariboldi. L’anno dopo Martiradonna fu ancora titolare come terzino destro in coppia con Robbiati o Baricchi (reggiano scomparso poco tempo fa). La Reggiana nel 1962 retrocesse in serie C e Martiradonna fu ceduto al Cagliari. L’anno dopo al Cagliari appodò anche Greatti, che dicevano avesse seri problemi di vista. E invece col Cagliari i due ex granata (Greatti divenne uno dei migliori centrocampisti italiani) approdarono alla serie A e poi addirittura allo scudetto nel 1970, col grande Gigi Riva. Ricordo Martiradonna come uno dei tanti eroi calcistici della mia fanciullezza.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.