Home » Nazionale

Malinconico addio

10 gennaio 2012 813 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Quando il nome è quasi una condanna. Durante le polemiche sul dopoguerra a Reggio Emilia una donna accusò il marito di avere istruito le Brigate rosse. Ma il marito si chiamava Mansueto e la cosa finì in burla. Mentre assai più seriamente vennero prese le accuse alla Cooperativa “abbattitori”, che al suo interno aveva assunto alcuni ex partigiani che avevano sparato e ucciso anche nel dopoguerra. Che dire poi dell’onorevole Pasquale La Morte che nessuno voleva portare al governo o del deputato Vacca, che con Pecorella, Leone, La Volpe e purtroppo anche Del Bue, non poteva mai polemizzare o di Roberto Rosso che stava a destra mentre Neri e Bianchi erano a sinistra, o di Storace che dicono abbia cambiato all’anagarafe la A con la O, per non apparire troppo quel che già era. E che dire di Oronzo Reale, repubblicano viscerale, di Piero Malvestiti, elegante deputato azionista, di Roberto Tremelloni, nato decisionista e di Attilio Piccioni che si volatilizzò all’improvviso e al suo posto arrivò Emilio Colombo. E che dire di Malfatti, ministro delle cose fatte bene, e del superlaico Luigi Preti. Come si poteva dunque pretendere che il sottosegretario Malinconico non fosse in preda ad esigenze di svago e divertimento? Poteva forse usare efficaci antidepressivi, ma la scelta di una bella vacanza pagata da altri (chissà perchè nessuno si ricorda mai chi è che paga, vero Scajola?) mi sembra più che giustificata. Penso ne abbia anche più bisogno adesso che è stato costretto a dimettersi. Qualcuno lo aiuti. Più Malinconico di così…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.