Home » Reggio Emilia

Appoggio l’idea di Pietro Braglia. Le societa sportive professionistiche facciano qualcosa per i disoccupati

1 luglio 2013 509 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Pietro è un vecchio tifoso granata. Come me. È anche attivamente impegnato in politica, come me, sia pur su posizioni diverse. E la sua forte sensibilità sociale lo ha indotto, pescando l’idea dall’Adriatico, a formulare una proposta giusta. Siamo in una situazione di forte emergenza economica. La disoccupazione, soprattutto giovanile, è all’apice. Possibile che nello sport questo segnale non venga recepito? E che lo sport professionistico, il calcio ma anche il basket, non provveda a formulare qualche idea per permettere a coloro che si trovano in condizioni così disagiate di poter continuare a seguire le loro squadre del cuore? A Pescara sono stati riservati mille abbonamenti gratuiti per i disoccupati. A Reggio, e penso non solo alla Reggiana, ma anche al Sassuolo che ci regala quest’anno la serie A, cosa si pensa di fare? Aggiungo un ulteriore particolare sul quale rifletto da tempo. Reggio Emilia negli ultimi vent’anni è cresciuta a dismisura. Siamo saliti, da una città di circa 130mila abitanti, a una che ne conta 175mila. È il risultato in larga misura dell’immigrazione, che da noi è stata anche più accentuata che altrove. Cosa si intende per squadre della città? Di quale città si parla? Con quali iniziative si pensa di aggregare intorno alle nostre squadre anche la partecipazione della popolazione nuova, che non è abitualmente coinvolta nello spettacolo sportivo ed è anche spesso abituata a frequentare altri sport? Anche questo problema mi sento di proporre alla riflessione delle società reggiane.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.