Home » Nazionale

Epo basta

25 luglio 2013 556 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Ci mancava questa finta rivelazione, perché si è sempre saputo tutto. Ci mancava che dalla Francia rimbalzasse la “clamorosa” notizia che il sangue prelevato durante il Tour de France del 1998 a diversi corridori conteneva tracce di Epo. Parliamo di Pantani, primo classificato, di Ulrich, secondo, e di Julich, terzo, ma anche di altri tra i quali il nostro Cipollini. E che razza di rivelazione è mai questa? Tutti i corridori facevano uso di Epo, che allora non era rintracciabile nel sangue, perché lo è stato solo a partire dal 2000. I corridori venivano fermati solo se il loro ematocrito, la percentuale di globuli rossi nel sangue, superava il 50 per cento. Avvenne a Pantani a Madonna di Campiglio nel 1999, col limite superato di un punto, mentre Savoldelli e Gotti non lo raggiungevano per un nonnulla. Il che non significava che non facessero uso di questa sostanza. Come è stato da tempo opportunamente rivelato, in quegli anni, parliamo degli anni novanta in particolare, le prestazioni divennero eccezionali, le corse sempre più lunghe e faticose, le vittorie eroiche. Nessuno poteva gareggiare a pane e acqua. Anche perché l’Epo introdusse una nuova discriminante tra i campioni non più basata sul merito, ma tra chi lo usava e chi no. Si doveva partire alla pari, dunque, soprattutto tra coloro che mezze calzette non erano. I ciclisti bravi che non avessero fatto uso di Epo non potevano competere con gli altri. Si introdusse una sorta di patto del silenzio. Tutti assumevano questa sostanza per gareggiare alla pari e nessuno, qualora fosse stato scoperto, doveva ammetterlo. E così fu. Le vittorie erano generalmente vere. E vincevano i migliori, Indurain, puro come un angelo, poi Pantani, Armstrong, fino a Contador. Con qualche spiegabile eccezione costituita dai corridori di una sola stagione. Pensiamo a Chioccioli nel Giro del 1991, prima ancora al Roche del 1987, al Berzin del 1994, fino al nostro Cunego del 2004. Tutti corridori che sono apparsi campioni e poi svaniti all’improvviso. Basta con l’ipocrisia, con il silenzio, con le rivelazioni tardive e a senso unico, con le giustificazioni illogiche e inspiegabili. Come quella di Bugno di oggi che fa davvero sorridere. Tutti ammettano che nessuno poteva vincere Giro o Tour senza far uso di Epo e di sostanze simili. Lo ha detto, per ora, tra i vincitori puniti, il solo Armstrong. Lo ammettano tutti e si ritirino, non i titoli dei ciclisti, vinti quasi sempre con merito, ma tutti coloro che facevano finta di niente: i i medici, i direttori sportivi, gli sponsor, i dirigenti di federazione e anche i giornalisti. Sapevano tutto e dicevano nulla. Come quelle tre scimmiette: una non vedeva, l’altra non sentiva, la terza non parlava. Che pena….

 

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.