Home » Nazionale

Renzi e noi

4 marzo 2015 614 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Noi abbiamo un conto aperto con Renzi. Ma Santa Madonna, non eravamo noi socialisti designati storicamente a guidare e a dominare gli ex comunisti dopo l’89? E invece guarda cosa succede. Vent’anni dopo è un cattolico, di estrazione ex democristiana, con altrettanti compagni di tradizione, a fare l’operazione che noi avevamo progettato per decenni e che gli eventi ci avevano riservato. Non è questo forse il motivo di un certo risentimento dei nostri reduci verso il giovan signore fiorentino? E che venga rivalutata la storia democristiana e i suoi uomini e non quella socialista, non è una beffa, un inganno, un sopruso?

Niente nella storia accade per caso. E il destino cinico e baro c’entra poco. La nostra situazione è figlia dei nostri errori e, solo in parte, di un omicidio giudiziario. Quest’ultimo riguarda il modo col quale è stato trattato il leader del Psi, peggio di un personaggio coinvolto nelle stragi e nella camorra. Un oltraggio al senso della misura. Per finanziamento illecito alla politica non si è mai ammazzato nessuno. Craxi è morto per questo. Ma prima ancora della rivoluzione giudiziaria c’è stata una rivoluzione politica che la maggioranza del Psi non volle o non seppe capire. Dal 1989 al 1992 avevamo il vento della storia a nostro favore. Siamo riusciti ad essere travolti. Come un ciclista che scala per primo il Mortirolo e poi cade in discesa. Incredibile.

A me pare dunque piuttosto inutile e anche fuorviante avercela con Renzi perché ci ha rubato il posto. E penso che sia altrettanto assurdo assumere posizioni che nulla hanno a che fare con le nostre idee, solo per contestarlo. Inseguire Vendola e Landini è come tagliarsi i cosiddetti per dispiacere alla moglie. Tuttavia noi non siamo mai stati democristiani e non possiamo assurgere al ruolo di ex. Abbiamo il dovere di insistere per difendere la nostra storia e per affermare le nostre idee nel presente. Che sono o dovrebbero essere anche originali. Perché assenti o quasi.

Non mi riferisco solo alla laicità che è pur sempre un grande valore distintivo. Mi riferisco innanzitutto a una visione storica della politica oggi in disuso e causa fondamentale del distacco dalla politica dei cittadini. Solo il cinque per cento degli italiani ha fiducia in questi partiti. Sono anche troppi. Dove sono i partiti e chi rappresentano oggi? Abbiamo voluto americanizzare la politica, caro Wolter, eccoti servito. I vecchi partiti erano probabilmente finiti, ma rappresentavano storie, tradizioni familiari, ideali accesi. I nuovi cosa rappresentano? Avremmo dovuto europeizzarci, e siamo qui a tentare di farlo vent’anni dopo, quando anche l’Europa mostra abbondanti crepe. Così abbiamo i leader: Renzi, Salvini, Grillo, chi lo sa, magari ancora Berlusconi, ma non abbiamo più la politica. Bella fine.

Renzi non ha un progetto di futuro. Annaspa, con buone idee e con grinta decisionista. Ritiene che il cambiamento sia un valore in sé. Come la rottamazione che produce l’idea che l’inesperienza sia una virtù e l’esperienza un difetto. Io contesterei la legge elettorale come hanno fatto i nostri senatori che non l’hanno votata. Introduce il principi della vittoria necessaria, come se fosse il Giro d’Italia, anche se l’elettorato non l’assegna a nessuno, ricava una sorta di presidenzialismo in un sistema che resta parlamentare, con ballottaggio nazionale tra liste e non tra candidati, unico al mondo, blocca la maggior parte dei candidati che vengono così nominati e non eletti. Tutto questo dopo avere deciso che neppure il Senato sarà eletto e neppure le province. Personalmente ho sostenuto l’azione del governo Renzi sull’economia, Jobs act compreso, a volte anche contro alcuni amici e compagni del Psi, ma avrei un’altra idea di democrazia.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.