Home » Nazionale

Dieci punti chiari per un’azione contro il terrorismo

15 novembre 2015 335 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Gino Strada ha dichiarato che quel che è accaduto a Parigi è il conto di quel che l’Occidente ha fatto in Medioriente. Fabrizio Rondolino, giornalista de L’Unità, ha reagito chiedendo di boicottare Emergency. Io non arrivo a tanto, ma ritengo le dichiarazioni di Strada una vergogna. E anche un insulto alle vittime dell’odio malsano di un’ideologia che conduce all’assassinio degli infedeli. Spero si possano almeno capire le seguenti dieci verità:

1) L’interpretazione coranica degli estremisti islamici che hanno fondato prima Al Quaida e poi l’Isis prevede la Jihad, cioè la guerra santa contro i miscredenti. Questo genera il Paradiso per i martiri islamici. C’entra poco il disagio sociale. Osama Bin Laden faceva parte di una famiglia ricchissima e aveva studiato a Londra. Per fare un paragone dobbiamo ricordare che anche le Bierre non raccoglievano i loro proseliti tra i disagiati, ma tra giovani benestanti che avevano sposato quell’ideologia.

2) L’azione criminale di Parigi non è stata compiuta, questa è una motivazione strumentale, dalla guerra in Siria o dal recente bombardamento dei francesi, ma da una ideologia religiosa che presuppone l’attacco all’Occidente e ai paesi arabi amici dell’Occidente, per permettere la sollevazione degli islamisti contro i governi arabi e per sferrare l’attacco decisivo contro di noi. Che vi sia una chiara ideologia di stampo etico-religioso è scritto nella prima riga del comunicato dell’Isis quando si afferma testualmente che si è voluto colpire Parigi “capitale del vizio”.

3) Il conflitto aperto non è di religione ma di civiltà. Cioè sono contrapposti la civiltà liberale (si colpisce la Francia della rivoluzione e i principi dell’Ottantanove) e quella integralistica che taglia le gole, brucia i prigionieri, distrugge i monumenti della storia, schiavizza le donne di un’altra tendenza religiosa, organizza stragi colpendo semplici cittadini inermi.

4) Questa organizzazione terroristica, al contrario di Al Quaida, ha conquistato un territorio tra Siria e Iraq, ha scelto come capitale Raqqa, ha conquistato Mosul. Da lì organizza, promuove e rivendica le stragi compiute in Europa. Finora la comunità internazionale non ha sferrato l’attacco risolutivo per sgominare il cosiddetto stato islamico. Ma ha solo utilizzato i droni per bombardare qualche insediamento.

5) Le indecisioni della comunità internazionale sono sostanzialmente state originate dalle altalenanti posizioni americane, prima assenti nella resistenza ad Assad, poi sostenitrici dell’opposizione quando ormai trasformata in una tendenza islamista, nel frattempo concentrata a combattere la Russia di Putin, incapace di individuare l’Isis come il nemico numero uno.

7) Oggi, sia pure in ritardo, si deve attaccare lo stato islamico con una ampia coalizione che associ anche la Russia e la Cina e i paesi arabi, passando attraverso un chiarimento sulle posizioni di quegli stati che sono stati finora in una posizione di ambiguità, e soprattutto mettendo la Turchia nelle condizioni di evitare l’equiparazione tra curdi e Isis.

8) La guerra allo stato islamico che dovrà essere frutto di un ampio coinvolgimento di forze non sarà risolutiva se non associata a una forte mobilitazione e a un’azione di polizie e di intelligence per scovare ed eliminare cellule terroristiche ovunque attive in Europa e nel mondo.

9) Tutto questo non dovrà portare alla criminalizzazione degli emigrati e in particole proprio di quelli che fuggono dalla guerra e dal terrore. Sarebbe un guaio non solo confondere l’Isis con la religione musulmana, ma anche confondere chi fugge dalla Siria coi terroristi. Certo anche tra costoro possono insidiarsi estremisti pericolosi e il nostro livello di sicurezza deve essere alto.

10) Anche in Italia, e non solo per l’imminenza del Giubileo, il livello di guardia deve essere più incisivo. Forse utilizzando anche l’esercito occorre vigilare tutti i luoghi pubblici. Inutile ricordare che solo la sicurezza insediata ai cancelli dello stadio di Parigi ha impedito ai terroristi di entrare e di provocare una strage in diretta televisiva di proporzioni gigantesche. Stadi ( biglietti nominativi non servono a nulla, occorrono perquisizioni a tappeto), stazioni, aeroporti, teatri, cinema e ristoranti, non possono oggi essere lasciati senza un minimo di vigilanza.

L’Italia deve essere pronta a fare la sua parte, per combattere il terrorismo nel mondo, per difendere in Italia i suoi cittadini.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.